Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconApprofondimenti
line break icon

La comunione sulle mani? E allora i mistici che raccomandano di riceverla in bocca?

Jeffrey Bruno

Giovanni Marcotullio - pubblicato il 20/06/18

La Chiesa dispose autorevolmente la possibilità di permettere quel tipo di accesso alla Comunione, e impose parimenti la necessità di un’azione congiunta con la Santa Sede. Per la Chiesa cattolica che è in Italia ciò avvenne il 19 luglio 1989, quando a seguito della recognitio del cardinal Eduardus Martinez (data il 14 luglio), predecessore di Arinze, il cardinal Ugo Poletti, all’epoca Vicario del Papa per Roma e Presidente della Cei, emanò il Decreto che rendeva efficace e vincolante «la delibera di carattere normativo circa l’introduzione nelle diocesi d’Italia dell’uso di distribuire la S. Comunione nelle mani dei fedeli […]». E aggiungeva:

In conformità al can. 8, par. 2 del Codice di Diritto Canonico, tenuto conto dell’esigenza di una previa e adeguata catechesi, che illustri i vari punti dell’Istruzione e in particolare il significato della nuova prassi, stabilisco altresì che la delibera promulgata entri in vigore a partire dal 3 dicembre 1989, Domenica prima di Avvento.

Nel dettaglio, Poletti disponeva così:

15. – Accanto all’uso della Comunione sulla lingua, la Chiesa permette di dare l’Eucaristia deponendola sulle mani dei fedeli protese entrambe verso il ministro, ad accogliere con riverenza e rispetto il Corpo di Cristo.

I fedeli sono liberi di scegliere tra i due modi ammessi. Chi la riceverà sulle mani la porterà alla bocca davanti al ministro o appena spostandosi di lato per consentire al fedele che segue di avanzare.

Se la comunione viene data per intinzione, sarà consentita soltanto nel primo modo.

16. – In ogni caso è il ministro a dare l’Ostia consacrata e a porgere il calice. Non è consentito ai fedeli di prendere con le proprie mani il pane consacrato direttamente dalla patena, di intingerlo nel calice del vino, di passare le specie eucaristiche da una mano all’altra.

Abbiamo parlato dello specifico caso italiano per evidenti ragioni d’interesse, ma anche per illustrare con un esempio ciò che a norma del diritto è accaduto in tutte le regioni ecclesiastiche che hanno ammesso concretamente l’uso permesso dall’Institutio Generalis del Messale Romano. Questo dovrebbe già di per sé mostrare quale articolata trafila presieda allo stabilimento delle norme ecclesiastiche, anche (e soprattutto) quando esse sono dichiaratamente “nuove”: la Chiesa è ministra e custode dei Sacramenti – questo è l’assioma che regge il teorema – dunque nessuno può pretendere di correggere le sue disposizioni autentiche in materia. Il caso che la Chiesa, nel suo Mistero, approvi discipline sacramentali sacrileghe, non esiste neppure ad absurdum e come caso di scuola: trattasi di mero farfugliamento di persone confuse e foriere di confusione.

Ma che dicono i santi?

Ecco, dopo questa panoramica torniamo alla domanda: che dicono i santi? O, meglio, “i mistici”? Qui si dovrebbe distinguere tra i due gruppi, non solo perché neppure un cristiano che abbia visioni può ordinariamente presumere della propria salvezza eterna (mentre è certo che moltissimi santi non abbiano mai avuto visioni), ma soprattutto perché neppure il combinato disposto di santità conclamata e autentica con una solida esperienza mistica garantisce la credibilità di tutte e singole le dottrine professate dai detti santi.




Leggi anche:
Fare la Comunione estingue i peccati veniali? Non solo quello…

E questo in ossequio a un principio generale: qualunque cosa dica perfino il più santo fra i santi, ove questi fosse anche il più mistico fra i mistici, il tutto rientrerebbe sempre nell’ambito delle rivelazioni private, che in nessun modo potrebbero essere proposte ai fedeli come “fede da ritenere”. Viceversa – e questa è la prova del nove – mai un santo pretenderà che la propria dottrina o la propria disciplina prevalgano su quelle della Chiesa: se lo fa, sicuramente si tratta di ben altro che di un santo.

Ed ecco che si fa presto a discernere donde vengano le presunte “Rivelazioni di Maria Santissima, Nostra Signora di Maracaibo”; o meglio – poiché stando ai nudi testi delle pretese rivelazioni la Vergine stessa non condannerebbe le disposizioni ecclesiastiche – donde vengano le intenzioni dei fedeli che le usano come teste d’ariete contro quelle medesime disposizioni. E ci permettiamo di restare scettici circa le “Promesse di Gesù a chi non riceve la Comunione sulla mano” (e sì che come dicevo potrei beneficiarne, personalmente…).

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
comunionesacramenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni