Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non è mai troppo tardi: il coraggio di iscriversi al liceo a 96 anni!

MEXICAN GUADALUPE PALACIOS GARCIA
MOYSES ZUÑIGA / AFP
Condividi

Dopo una vita da analfabeta la messicana Guadalupe Palacios sogna di laurearsi a 100 anni e diventare maestra d'asilo

Ieri alla radio abbiamo appreso la notizia di una donna messicana, Guadalupe Palacios, che alla veneranda età di 96 anni si è iscritta al liceo. Ma non solo! Il suo percorso scolastico è cominciato quattro anni prima, quando ha deciso di cominciare ad andare a scuola per imparare a leggere e scrivere.

“Donna Lupita”, questo il suo soprannome, ha trascorso una vita a coltivare grano e fagioli e ad andare a vendere polli al mercato, per cui la sua unica necessità pratica era quella di sapere fare un po’ di conto (Corriere della Sera). Dopo decenni di sacrifici per mandare all’università i suoi 7 figli si è potuta finalmente permettere di non finire la sua vita da analfabeta: così si è iscritta alla prima elementare.

Gli studi

In quattro anni ha completato l’istruzione di base terminando la scuola media, e nel 2018 ha iniziato a frequentare la scuola superiore di Tuxtla Gutierrez sedendosi tra i banchi occupati da compagni più giovani di lei di 80 anni.

La mascotte della classe

L’accoglienza dei compagni è stata estremamente calorosa e lei è entrata in classe indossando orgogliosamente la divisa bianca “di ordinanza” con al di sopra un bel maglioncino rosa perché alla sua età è un po’ freddolosa come tutte le nonne.

«Mi sento pronta a dare tutta me stessa, oggi è un giorno meraviglioso» (Corriere della Sera), ha detto la non più giovane ma molto spiritosa studentessa, che ha anche affermato: «Ora posso scrivere lettere ai miei fidanzati»(Corriere della Sera).

Prima la famiglia

Ma Guadalupe è sempre la stessa: fa ancora tutto per la sua famiglia e ha messo in conto di non poter frequentare tutti i giorni perché sua figlia lavora e per questo deve aiutare la nipote disabile.

Il sogno di Guadalupe

Nonostante ciò ha un obiettivo preciso: quello di finire le superiori a 100 anni e poi proseguire con l’università e ambire a diventare, magari un giorno, maestra d’asilo.

Chissà cosa direbbe di questa straordinaria vecchietta il nostro Alberto Manzi. Il più famoso maestro televisivo d’Italia che, grazie alle sue seguitissime lezioni in bianco e nero, insegnò a leggere e scrivere a milioni di italiani. Molti dei quali, ed erano generalmente persone avanti negli anni, conseguirono così la licenza elementare.

Per fare quello per cui si è generosamente impegnata “donna Lupita” e, anche se in epoca diversa e con obiettivi meno ambiziosi ma altrettanto fondamentali milioni di italiani, è necessario avere un sogno per cui valga la pena di “sfoderare” tutta la tenacia e il coraggio di cui si è capaci.

Perché, e non a caso, la trasmissione di Alberto Manzi si intitolava: “Non è mai troppo tardi!”.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni