Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché consacrare un bambino alla Madonna in occasione del suo Battesimo?

BAPTISM
TAMINO PETELINŠEK | DRUŽINA
Condividi

I santi sono unanimi nell'affermare che nessuna intercessione presso Dio è efficace come quella della Vergine Maria

È ormai diventata una bella abitudine cattolica che i genitori consacrino i bambini alla Madonna dopo il Battesimo. Si è creato perfino il costume di scegliere una madrina per il bambino in questa consacrazione. Ha senso? È valido?

Sì, certamente! La Chiesa raccomanda la nostra consacrazione alla Madonna tutti i giorni della nostra vita. Il motivo è molto semplice e chiaro: Ella è la nostra Madre benedetta. Ai piedi della Croce, prima di consegnare lo Spirito al Padre, Gesù ci ha donato Sua Madre perché fosse Madre nostra. Non è certo poco, è moltissimo! Se Gesù ha fatto così, è perché abbiamo bisogno di lei!

Gesù ci ha donato Sua Madre come intercessore per noi

Dopo averci donato tutto, la Sua vita, il Vangelo, Egli ci ha donato Sua Madre. Vedendo ai piedi della Croce il discepolo che amava, San Giovanni, Gesù gli ha affidato Maria perché fosse Madre sua e nostra. Tutti i Papi e i santi hanno visto in questa scena San Giovanni come rappresentante di ciascuno di noi, ciascuno di coloro che Gesù ha riscattato con il Suo preziosissimo Sangue redentore e a cui ha confidato Sua Madre.

L’evangelista ha poi scritto: “Il discepolo la prese nella sua casa” (Giovanni 19, 27), perché Ella non aveva più Giuseppe e non aveva altri figli. San Giovanni l’ha portata ad Efeso, la grande città romana che era la capitale della provincia romana del Medio Oriente. San Giovanni è andato a evangelizzare in quella grande città, che all’epoca aveva circa 300.000 abitanti, e ha portato con sé la Madre sua e nostra.

Ancora oggi esiste a Efeso un santuario mariano in cui si trova la casetta in cui vissero, sulla cima di un monte, visitata da molti pellegrini.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.