Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconStorie
line break icon

Dalla Caritas ai Mondiali: il tecnico svizzero che ha debuttato a sorpresa in Russia 2018

PETKOVIC

Ludovic-Péron - (CC-BY-SA-3.0)

Esteban Pittaro - pubblicato il 19/06/18

Guida una squadra multietnica dal grande potenziale

Ad eccezione del debutto della Russia contro l’Arabia Saudita, finora gli incontri sono stati abbastanza bilanciati, anche quelli che hanno coinvolto grandi candidati alla vittoria dei Mondiali. È il caso di Brasile-Svizzera, partita finita con un pareggio.

Uno dei protagonisti dell’incontro è stato l’allenatore della Svizzera, Vladimir Petkovic, che ha saputo organizzare una squadra che ha sostenuto l’offensiva brasiliana.

Petkovic, nato e cresciuto nell’ex Yugoslavia, ha lasciato il suo Paese da giovane quando era già un calciatore, e ha fatto carriera in Europa. A 17 anni ha giocato come professionista in varie squadre svizzere di secondo piano.

Dopo essersi ritirato dal calcio e aver iniziato a fare l’allenatore, ha lavorato per cinque anni per la Caritas, tra il 2003 e il 2008, coordinando i disoccupati. Durante il giorno lavorava con loro e aiutava in un locale gestito dalla Caritas, al pomeriggio dirigeva le divisioni minori della Svizzera, mentre terminava la preparazione per ottenere la licenza di allenatore della UEFA.


Fernando Santos Portugal

Leggi anche:
“Devoto a Nostra Signora di Fatima e al silenzio”: il tecnico cattolico del Portogallo

All’epoca, mentre portava avanti una grande campagna con il Bellinzona che lo ha portato a giocare la finale della Coppa Svizzera, ha spiegato in un’intervista a SwissInfo.ch: “Oltre al calcio, ho un diploma di allenatore per adulti, e in questo contesto lavoro nel campo dell’educazione, ad esempio con i disoccupati. È un’attività che mi ha permesso di conoscere gruppi di persone molto eterogenei, con cui bisogna stabilire rapporti differenziati”.

“Questo mi ha arricchito personalmente, soprattutto per quanto riguarda la gestione dei gruppi e dei conflitti. Queste esperienze si sono dimostrate assai preziose per il mio lavoro. Oggi il calcio non è più un lavoro esclusivamente fisico. Richiede anche molta preparazione intellettuale per mettersi nelle condizioni giuste e poi trasmettere le indicazioni nel modo adeguato. A medio termine mi piacerebbe concentrarmi completamente sul calcio, perché la combinazione delle due attività è molto dura, soprattutto a livello mentale”.

L’opera sociale, della quale ha sempre detto di essere molto orgoglioso, è stata di grande importanza quando è stato chiamato nella prima grande squadra in cui ha lavorato, la Lazio. Il presidente del club ha detto allora di aver scelto Petjovick proprio per i valori che aveva, oltre ad altre virtù come il fatto di parlare molte lingue, ideale per un club in cui convivevano più di dieci nazionalità. Dopo un stagione coronata da una Coppa nella quale la Lazio ha battuto in finale la Roma, sua classica rivale, è stato convocato a dirigere la Nazionale svizzera.




Leggi anche:
14 devozioni mariane dei Paesi della Coppa del Mondo

Tra le sfide che ha affrontato nella sua patria adottiva, una lo chiamava in causa in modo particolare: una squadra multirazziale, di nazionalità svizzera ma con origini albanesi, bosniache, turche, africane, sudamericane… La sua esperienza da immigrato e il suo lavoro in contesti delicati lo hanno reso un leader ideale per una squadra dal grande potenziale.

Tags:
calciocaritasmondiali di calciosvizzera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni