Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

17 domande e risposte per comprendere le preghiere e le cerimonie della Santa Messa

Condividi

“Perché la Messa, che è il centro del culto cattolico, risvegli i più vivi sentimenti religiosi e di pietà”

4 – Cos’altro dobbiamo conoscere della Messa?

Dobbiamo conoscere le sue parole sacre, in cui troviamo tutto il sapore dell’unzione di cui sono piene; ogni azione e ogni movimento del sacerdote; ogni parola che pronuncia per ricordare alla nostra anima e al nostro cuore che un Dio si immola per noi, e che anche noi dobbiamo immolarci con Lui e per Lui.

5 – Con quale stato di spirito dobbiamo assistere alla Santa Messa?

Dobbiamo lasciar fuori dal santuario l’indifferenza e la noia, la dissolutezza e lo scandalo, ed essere adoratori in spirito e in verità.

6 – Dio esige da tutti i fedeli una conoscenza profonda e dettagliata della Messa?

No. Dio supplisce con la sensibilità della fede alla conoscenza che non si è potuta acquisire, e non disprezzerà mai il sacrificio di un cuore pentito e umiliato (Sal 50, 19).

7 – Quali sono le disposizioni essenziali e sufficienti per avvalersi del Santo Sacrificio della Messa?

Dobbiamo assistere alla Santa Messa con l’anima piena di dolore per le mancanze commesse e avvicinarci con fiducia a questo trono della grazia, unendoci alla vittima, Nostro Signore Gesù Cristo, e all’intenzione della Chiesa, nella persona del sacerdote, e mediante il suo ministero.

8 – Cos’altro bisogna conoscere?

Dobbiamo conoscere i grandi vantaggi spirituali che una conoscenza più intima della Santa Messa offre ai fedeli, con la spiegazione letterale delle sue preghiere e delle sue cerimonie.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni