Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Arte e Viaggi

Prove archeologiche su Ponzio Pilato corroborano i Vangeli

J.P. Mauro - pubblicato il 18/06/18

La “Pietra di Pilato” registrò il suo nome e la sua posizione in una dedica all'imperatore

Conosciamo ovviamente tutti Ponzio Pilato e il ruolo che ha giocato nella Passione di Cristo, ma si sa ben poco di quest’uomo al di là del fatto che fu arbitro nel processo a Gesù. Sappiamo che era il prefetto romano che governava sulla Giudea durante il regno dell’imperatore Tiberio (14-37), ma al di là dei Vangeli, di qualche breve riferimento degli storici romani e di una manciata di monete fatte presumibilmente coniare da lui ci sono ben poche prove della sua esistenza.

O almeno è stato così fino al 1961, quando è stata scoperta la “Pietra di Pilato”, un pezzo di calcare inciso che riporta il nome di Ponzio Pilato.

L’archeologo italiano Antonio Frova e il suo team si sono imbattuti nella “Pietra di Pilato” mentre eseguivano degli scavi in un antico teatro romano a Cesarea (Israele), costruito per decreto del re Erode verso il 10 a.C.

Ucatholic.com spiega che Pilato aveva la sua base operativa a Cesarea, che sostituì Gerusalemme come capitale amministrativa della Giudea nel 6 d.C..

Malgrado il deterioramento causato dal tempo, si possono ancora distinguere dei frammenti dell’iscrizione sul calcare. Da quello che riescono a leggere gli archeologi, sembra che si tratti di una pietra dedicatoria e recita:

Al Divino Augusto [questo] Tiberio
… Ponzio Pilato
… prefetto della Giudea
… ha dedicato [questo]

Questa scoperta corrobora la posizione di Pilato come prefetto della Giudea e il periodo in cui deteneva questo incarico.

UCatholic nota che ci sono varie altre fonti secolari che menzionano il prefetto, come gli scritti di Flavio Giuseppe nelle Antichità Giudaiche (ca. 94), Filone di Alessandria in Sull’ambasceria a Gaio e Publio Cornelio Tacito, uno degli storici romani più noti.

Queste opere, ad ogni modo, vennero tutte scritte molti decenni dopo che Pilato era stato rimosso dalla sua posizione di prefetto della Giudea. La “Pietra di Pilato” resta l’unica prova di prima mano di quest’uomo.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
archeologiavangeli
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni