Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cambiano nome a un famoso gelato per parlare della loro famiglia accogliente (VIDEO)

TRACI SCHMIDLEY
Condividi

Sono 6 fratelli di razze diverse, sono felicissimi insieme: lo hanno dimostrato mandando un messaggio a una grande azienda e mescolando panna e cioccolato

Il mio nome è Tracy Schmidley. Sono mamma di sei figli, e madre adottiva di altri. Due dei miei sei figli sono stati adottati dopo il periodo di affido. Mio marito e io siamo insegnanti ed educhiamo i nostri figli, insieme ad altri amici, anche nel giardino di casa. Siamo appassionati di fede, educazione e adozione. Viviamo nella campagna della Louisiana e i bambini allevano galline, anatre, cavie. Abbiamo un enorme tavolo da pranzo che è quasi sempre pieno di gente, perché noi pensiamo che sia fatto per questo. (da Love What Matters)

Così mamma Tracy comincia a raccontare una storia fantastica che è capitata proprio attorno a quel tavolo, in uno dei tanti momenti di condivisione familiare. Si dice tanto che bisogna parlarsi durante i pasti, scambiarsi opinioni, confessare problemi, consolarsi. Questo episodio dimostra come piccoli gesti quotidiani gettino luce su cose davvero profonde.

Il più grande dei fratelli è appassionato di storia, una sera a cena butta l’occhio sulla vaschetta del gelato preferito di famiglia e si sofferma sul nome La grande muraglia: è una di quelle confezioni in cui da una parte c’è la panna e dall’altra il cioccolato, una linea netta di separazione tra bianco e nero. Gli scappa una battuta: “Bhé, è un po’ il gusto della guerra civile“. Il suo pensiero va alla guerra di secessione americana, ovviamente. Noi possiamo associare tante altre immagini di separazioni più vicine alla nostra sensibilità.

I genitori prendono sul serio quella battuta, ne nasce un confronto creativo: si accorgono innanzitutto che al loro tavolo i “gusti” sono mescolati, fratelli bianchi e neri condividono tutto da mattina a sera. La mamma allora propone una sfida avvincente, cambiare il nome al gelato. Ed ecco che nasce il gusto Meglio insieme. Lo hanno proposto all’azienda e speriamo che la proposta venga accolta.

E’ bello che ci siano vaschette di gelato con più gusti – dicono questi bambini – perché in famiglia ciascuno deve essere soddisfatto con ciò che gli piace di più.

Verrebbe da dire che tanti esperti di marketing pluridecorati dovrebbero tendere l’orecchio e prendere appunti da questa creatività infantile; soprattutto, una volta di più, si impara realmente l’accoglienza stando a cena con una famiglia numerosa, più che a molti tavoli politici internazionali. Si possono costruire ponti sempre, semplicemente andando a fondo della nostra esperienza quotidiana.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni