Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il crocifisso della discordia: il parroco lo vuole spostare, i fedeli firmano una petizione

crocifisso padre schiavina a foggia

Change

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/06/18

Al suo posto una corona misterica neocatecumenale. Raccolte on line 1500 firme per fermare il prete

Un crocifisso spacca una comunità. E’ quello che accade a Foggia, precisamente nella chiesa di Sant’Antonio da Padova.

Chiesa_di_Sant’Antonio_(Foggia)
Wikipedia

In questi giorni, scrive Repubblica (13 giugno), sta facendo discutere la proposta avanzata dal parroco Roberto Nesta di rimuovere il crocifisso realizzato da ‘Padre Guglielmo Schiavina‘, simbolo della resurrezione con la sua mano staccata dalla croce e tesa verso il cielo, per far spazio ad una ‘corona misterica’ ovvero una composizione moderna di icone di stile neocatecumenale.

I fedeli

La protesta è diventata subito virale tanto da spingere i parrocchiania lanciare una vera e propria petizione on line che in pochi giorni ha raccolto 1500 adesioni. Ecco il link della petizione:

Nella chiesa di Sant’Antonio in Foggia, il Crocifisso in bronzo realizzato da Padre Guglielmo Schiavina, simbolo della Resurrezione con la sua mano staccata dalla croce e tesa verso l’Altissimo, dovrà far spazio a una composizione moderna di icone di stile neocatecumenale che confliggono con l’architettura sobria ed essenziale della Chiesa.Il Cristo non può perdere la sua collocazione centrale nell’aula liturgica, esso è ormai nel cuore dei fedeli ai cui piedi rivolgono da tempo le loro preghiere. Questa petizione è tesa a far desistere i frati nel loro intento che comprometterà inesorabilmente l’estetica della chiesa.




Leggi anche:
Renato Zero e il Crocifisso: «T’hanno staccato da tutti i muri, povero Gesù mio»

La replica del prete

«Dostoevskij diceva che la bellezza salverà il mondo – replica, invece, don Roberto – Le immagini ritratte nella corona misterica sono bellissime, il cui scopo è quello di creare un’aula liturgica bella e accogliente in cui facilitare l’incontro con Dio. Mi preme anche evidenziare – aggiunge il sacerdote – che il crocifisso non verrà rimosso, ma troverà spazio in una piccola cappellina all’interno della stessa chiesa».




Leggi anche:
La straordinaria profezia surrealista in un crocifisso di Dalì dove la croce vince

Tags:
crocifissoparroco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni