Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Albino Luciani: nel dubbio utilizzare la pillola non è peccato

Condividi

C’è un documento in cui il futuro Papa Giovanni Paolo I apriva a questa possibilità. Finì anche sulla scrivania dell’allora Papa Paolo VI

Pio XII, cioè, «considera il blocco dell’ovulazione come un effetto cattivo da permettersi solo se viene posto, contemporaneo, un effetto buono. Il discorso citato fa difficoltà. Sarà però lecito osservare che Pio XII ha parlato della pillola come medicina e “rimedio alle reazioni esagerate dell’utero e dell’organismo”, non della pillola in quanto imitazione del “progesterone”; non s’è proposto di esaminare se sia lecito imitare la natura, ripetendo e prolungando effetti naturali. Egli suppone bensì che l’ovulazione impedita sia un male, ma non studia di proposito la nostra questione».

La sospensione dell’ovulazione

Shutterstock

Oggi, avverte il futuro Papa, «gli studi scientifici hanno rivelato meglio la natura e i compiti del progesterone». «Qualcuno – evidenzia – dice: la natura ha stabilito che la donna ogni mese abbia l’ovulazione. Sì, ma la stessa natura sospende l’ovulazione durante la gestazione e l’allattamento e dopo la menopausa. Bisogna poi badare a non prendere “natura” in senso troppo stretto. La natura vuole, per esempio, che noi siamo più pesanti dell’aria: ciononostante facciamo bene a viaggiare via aerea imitando il principio naturale per cui volano gli uccelli!».

Leggi naturali

Luciani arriva a queste conclusioni:

«Il magistero può certo interpretare autenticamente le leggi naturali. Ma con molta prudenza, quando ha in mano dati certi. Nel nostro caso i dati sembrano tali che o si dica: È lecito, o almeno si dica: Non consta, è dubbio. Nel dubbio, non si può accusare di peccato chi usa la pillola».

Il parere positivo di Paolo VI

Il dossier viene recapitato dal cardinale Urbani a Paolo VI, il quale lo valuta molto positivamente, «tanto che Urbani, di ritorno da Roma – informa la giornalista di Avvenire Stefania Falasca, vicepostulatrice della causa di beatificazione, che ha consultato le agende personali del futuro Papa – volle deviare fino a Vittorio Veneto per riferire personalmente il positivo commento di Montini al vescovo Luciani».

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni