Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconApprofondimenti
line break icon

La scomparsa delle api: il segno di una crisi ecologica globale

Bees in beehive

Pixabay

Johannes Herrmann - pubblicato il 15/06/18

Fattori cumulativi e convergenti

Raramente – per non dire mai – le crisi ecologiche gravi hanno un colpevole ideale oppure unico. È in maniera multiforme e cumulativa che i fattori entrano in gioco, si accumulano, convergono e finiscono per trascinare popolazioni animali e vegetali nel baratro. Nella fretta di discolpare oppure al contrario di incriminare questo o quello, spesso si dimentica questo fenomeno (che pure è ben documentato). Ciascuno produce il proprio studio, condotto per definizione “a parità di altre condizioni”, ove non si fa che variare uno e un solo fattore, che lo riguarda e che si pretende di dimostrare come irrilevante nell’economia complessiva. «Non sono responsabile io da solo. Quindi non c’è motivo che io modifichi o rinunci alla mia pratica o al mio prodotto».




Leggi anche:
Della vera ecologia: perché vado a confessarmi e a fare la Santa Comunione

E si compilassero insieme queste confutazioni individuali si arriverebbe all’assurdità per cui la scomparsa delle api e dei bombi selvatici sarebbe un fenomeno senza causa. Le api non possono morire, perché niente è ciò che le fa morire. Questa riduzione di un fenomeno complesso a un elenco di responsabilità individuali esaminate una ad una ci conduce a siffatta assurdità.

Tutto è legato

Questo caso esemplare si declina in parecchi altri domini. Ferrero non è il solo responsabile della scomparsa degli orangotango. I motori a diesel non sono i soli fattori dell’inquinamento atmosferico. Oppure, cambiando piano, l’oscillazione climatica non è il solo elemento che destabilizza le società di Africa e di Medio Oriente. E non sono meno gli ingredienti di catastrofi – si pensi ai reagenti – senza i quali forse non accadrebbe nulla.




Leggi anche:
Una “transizione ecologica” per salvare l’Europa

La nostra griglia di lettura individualistica e giuridicizzata ci tappa bocca, occhi e orecchie nell’atto di leggere fenomeni ecologici in cui tutto è relazione. Dopo decenni di impatti molteplici e cumulativi, gli ecosistemi (la fauna e la flora) non ne possono più: l’implosione arriverà forse da un colpetto di tosse il cui autore sarà assai stupito di vedersi impiccare a Piazzale Loreto per ecocidio. Povero lui: non sarà stato colpevole di gran cosa, ma dopo che lo avremo linciato staremo un pezzo avanti. L’implosione, frattanto, avrà avuto luogo. Bisogna cambiare approccio, e alla svelta: comprendere che lì fuori, proprio lì, tutto è collegato e tutti sono collegati.

[Traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

  • 1
  • 2
Tags:
apiecologia integraleecologia umana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni