Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

L’ambasciatore Berzinji: «Papa Francesco verrà in Iraq per diffondere un messaggio di pace e solidarietà tra i fedeli delle varie religioni»

POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
Condividi

E' prevista, per la preparazione del viaggio del Papa, una Visita in Iraq del cardinale Segretario di stato Pietro Parolin

Il 22 maggio scorso l’ambasciatore iracheno Omer Ahmed Karim Berzinji è stato ricevuto in Vaticano per un colloquio con il cadinale Segretario di Stato Parolin. Scopo principale dell’incontro è stata l’organizzazione della Visita Apostolica di Papa Francesco in Iraq. A tal proposito il cardinale Parolin, come riporta l’agenzia internazionale Nova, riterrebbe possibile il viaggio in quanto ormai la sconfitta del sedicente Stato Islamico sembra definitiva. Se confermato, si tratterebbe della prima visita di un Pontefice in terra irachena.

Il cardinale Parolin stesso si recherà in Iraq per preparare la visita, ribadire il sostegno della Santa Sede all’Iraq e rafforzare le relazioni bilaterali ma solo dopo la formazione del nuovo governo, che dovrebbe nascere dopo le prossime elezioni che si terranno il 30 settembre.
Nel lungo articolo dell’agenzia Nova si riporta anche la soddisfazione espressa dall’ambasciatore Berzinji per l’elevazione a cardinale del patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphael I Sako, annunciata dal Pontefice il 20 maggio per il concistoro del 29 giugno prossimo. Secondo Berzinji, la nomina di Sako a cardinale «è motivo di orgoglio per l’Iraq – e giunge in momento storicamente giusto, come dimostrazione di sostegno al paese dopo la sua vittoriosa battaglia contro i terroristi dello Stato islamico. Con Sako, l’Iraq avrà una voce in Vaticano e sui media internazionali». La scelta del Papa è ancor più importante poiché, sempre nelle parole del diplomatico, con la nomina del patriarca dei caldei «ha voluto preservare la diversità religiosa in Iraq e sostenere i cristiani nel paese affinché non emigrino, rafforzando le loro radici nazionali».

Infine, secondo quanto riferito da Berzinji all’agenzia Nova, «l’interesse del Papa per il dialogo tra le religioni va di pari passo con quello dell’Iraq». A tal riguardo, l’ambasciatore iracheno presso la Santa Sede sottolinea che «il dialogo è l’unica via per realizzare la pace». Per tale motivo, «l’ambasciata e il governo dell’Iraq condividono le decisioni del pontefice».

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni