Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Una bambina inglese di 9 anni in ospedale per dipendenza dal videogioco Fortnite

JOYSTICK
Condividi

È arrivata a farsi la pipì addosso pur di non staccarsi dallo schermo

Questa volta è accaduto con Fortnite, il nuovo videogioco diventato di moda tra bambini e adolescenti. In Inghilterra è suonato il campanello d’allarme perché una bambina di 9 anni è stata mandata in riabilitazione dai medici perché le è stata diagnosticata una dipendenza.

Come se fosse dipendente dall’eroina o dalla cocaina, la bambina giocava anche per dieci ore di seguito e si alzava nel cuore della notte per continuare le partite in segreto, hanno spiegato i genitori.

La goccia che ha fatto traboccareil vaso è stato il fatto che la bambina preferisse farsi la pipì addosso che abbandonare la partita.

Come si è arrivati a questa situazione? Come si educa un bambino perché sappia qual è il limite nelle attività? Come prevenire le dipendenze dal gioco in bambini e adolescenti che forse si rinchiudono nella propria stanza?

I genitori hanno davanti a sé una grande sfida nell’educare i figli, e lo stesso vale anche per i centri educativi, complemento a cui delegano parte del loro compito. Medici e altri esperti della salute come psicologi e sociologi possono offrire delle chiavi per evitare che la situazione si ripeta ogni volta che appare un nuovo gioco sul mercato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni