Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Attenzione a non cadere nel peccato peggiore

PAIN
Condividi

In realtà non merito mai il perdono, è Dio che vuole donarmelo

Il mio peccato più grande è quando mi allontano da Dio perché penso di non poter essere perdonato, di non meritarlo. Rifiuto di credere alla misericordia, al suo amore infinito. Penso di non essere degno della sua misericordia.

Quando merito il perdono? Mai. Il perdono è un dono, non è un pagamento in cambio di un bene compiuto.

Il mio orgoglio può portarmi a perseverare nella mia lontananza. Mi indurisce. Il cammino è il contrario. Diventare nuovamente figlio.

Divento bambino fiducioso. Mi faccio piccolo per mostrarmi bisognoso. Il peccato dell’orgoglio e della superbia mi fa credere che Dio non sia necessario nella mia vita. Mi chiudo al potere dello Spirito, l’unico potere che può cambiarmi dentro. Mi manca umiltà.

Ho bisogno di credere nella misericordia. Quell’atteggiamento presuppone il fatto di aprirmi alla grazia. Lasciare che Dio mi spezzi dentro nella mia debolezza. Lasciare che passi a occupare il posto che gli spetta nella mia vita, il più importante.

Leggi anche: Che vuol dire “peccare contro lo Spirito Santo”? Come ci si può arrivare?

L’amore nei confronti di Dio mi apre, mi rende capace di amare di più. Commenta padre Kentenich: “Possiamo dire che amiamo il nostro fratello a causa di Dio. Ciò vuol dire che se nel nostro amore per l’altro ci sono elementi che pretendono di separarci da Dio, quelle cose non sono dello Spirito Santo. Dall’altro lato, se crediamo di essere accesi d’amore per Dio e non siamo affettuosi con gli altri, siamo sicuri che quell’amore per Dio non è stato suscitato dallo Spirito Santo” [2].

L’amore per Dio in me mi rinnova. Voglio imparare a dare a Dio il potere sulla mia vita. Lasciare che il suo Spirito penetri in me e mi trasformi da dentro. E mi renda capace di un amore che sogno e di cui non sono in grado.

Dio me ne rende capace con il suo dono. Mi rende più docile alla sua volontà. È tutto ciò che desidero. Non voglio indurirmi. Non sono io quello che si salva.

A chi ho dato potere sulla mia vita? Mi preoccupano tante cose e cerco qualcosa che mi assicuri il futuro.

Qual è il potere del potere? Il potere umano è così fragile… Solo se il mio potere riposa in Dio ho il cuore aperto al suo Spirito. Solo se gli permetto di toccarmi con il suo fuoco potrò aprirmi alla sua misericordia.

Quando mi indurisco e mi chiudo finisco per allontanarmi da Dio. Come se non credessi alla sua misericordia, al suo amore.

[1] J. Kentenich, Milwaukee Terziat, N 21 1963
[2] J. Kentenich, Manda il tuo Spirito

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.