Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 suggerimenti fondamentali per ogni cattolico in Internet

Condividi

2) Siate costruttivi con le vostre parole

Avere una vita pubblica online attira critiche, opinioni, commenti e reazioni senza fine. Il nostro messaggio non è sempre ben accolto. A volte veniamo “attaccati”, e lo metto tra virgolette perché credo che queste situazioni possano essere trasformate in opportunità. Sì, ogni attacco o offesa è un’opportunità per mostrare quello che siamo, per dire al prossimo che gli vogliamo bene, per essere cristiani autentici e allo stesso tempo costruttivi con le nostre parole. Non è difficile, ma richiede una grande dose di umiltà e riflessione, perché un singolo momento può accendere l’ira in noi, facendoci rispondere con un atteggiamento non cristiano. Dobbiamo fermarci e pensare bene alle cose, valutarle, ricordare l’esempio di Cristo e poi agire. Sant’Alberto Hurtado diceva sempre “In tutto, amare e servire”. Anche nella nostra vita dovrebbe essere così.

“Nessuna parola cattiva esca più dalla vostra bocca; ma piuttosto, parole buone che possano servire per la necessaria edificazione, giovando a quelli che ascoltano. E non vogliate rattristare lo Spirito Santo di Dio, col quale foste segnati per il giorno della redenzione. Scompaia da voi ogni asprezza, sdegno, ira, clamore e maldicenza con ogni sorta di malignità. Siate invece benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo” (Efesini 4, 29-32).

3) Incoraggiate gli scoraggiati

Nella mia esperienza personale, devo dire che questo aspetto è essenziale. Non appena entriamo in app o siti web, veniamo bombardati da messaggi di ogni tipo, molti dei quali purtroppo negativi, che esprimono scoraggiamento e stanchezza. Cosa possiamo fare? San Francesco d’Assisi diceva “O Maestro, fa’ ch’io non cerchi tanto di essere consolato quanto di consolare, di essere compreso quanto di comprendere, di essere amato quanto di amare…” Concentrare la nostra attenzione su qualcun altro è un comportamento cristiano. I social media e Internet in generale saranno sempre un’ottima palestra per rafforzare la fede, incoraggiare chi è stanco, consolare chi è tormentato, rallegrare chi è sfiduciato e dare speranza a chi l’ha perduta. Ma dovete avere un cuore forte per evitare di cadere nello scoraggiamento anche voi. Esercitatevi come cristiani alla palestra della carità!

“Figlio, se ti presenti per servire il Signore, prepàrati alla tentazione. Abbi un cuore retto e sii costante, non ti smarrire nel tempo della seduzione. Sta’ unito a lui senza separartene, perché tu sia esaltato nei tuoi ultimi giorni. Accetta quanto ti capita, sii paziente nelle vicende dolorose, perché con il fuoco si prova l’oro, e gli uomini ben accetti nel crogiuolo del dolore. Affidati a lui ed egli ti aiuterà; segui la via diritta e spera in lui” (Siracide 2, 1-6).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni