Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

E quando è il sacerdote ad aver bisogno di aiuto?

KSIĄDZ W KOLORATCE

EAST NEWS

Canção Nova - pubblicato il 13/06/18

“Essere sacerdote è avere l'anima in costante pericolo”

Giorni fa, parlando al telefono con una persona a me molto vicina, il mio cuore di sacerdote è diventato pensieroso e mi sono chiesto come ho vissuto la mia vita e la mia vocazione. Diceva: “Sono appena uscito dalla Messa e mi sembra di stare peggio di prima; il sacerdote era così rigido e freddo che non so se avrei incontrato Gesù in quella celebrazione se non ci fosse stata l’Eucaristia. La cosa peggiore, padre Luizinho, è che molte persone dell’assemblea sono uscite provando lo stesso!” Cosa dire in quel momento a quella persona su quella situazione?

Vorrei rivolgermi in primo luogo ai miei fratelli sacerdoti, perché so che spesso affoghiamo nell’attivismo e per stanchezza o per mancanza di conversazione con Dio diventiamo freddi nella nostra esperienza di fede. Usando le parole di Papa Benedetto XVI “nessuno annuncia o porta se stesso, ma dentro ed attraverso la propria umanità ogni sacerdote deve essere ben consapevole di portare un Altro, Dio stesso, al mondo. Dio è la sola ricchezza che, in definitiva, gli uomini desiderano trovare in un sacerdote”.

“Ogni sommo sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati. In tal modo egli è in grado di sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore, essendo anch’egli rivestito di debolezza. Proprio a causa di questa anche per se stesso deve offrire sacrifici per i peccati, come lo fa per il popolo. Nessuno può attribuire a se stesso questo onore, se non chi è chiamato da Dio, come Aronne” ((cfr. Eb 5,1-4).


EUCHARYSTIA

Leggi anche:
Il sacerdote non lavora?

Miei cari sacerdoti, è chiaro che i sacramenti non hanno bisogno di “più o meno” dignità da parte nostra per essere validi – anche se io e voi siamo in una situazione di peccato, freddi, secchi, il sacramento è valido, perché è Cristo che agisce in noi. È Gesù che celebra e presiede l’assemblea dei fratelli, ma in tutto questo non dispensa la nostra umanità; al contrario, ha voluto che il Suo Cuore Divino continuasse nel nostro cuore umano, agendo per la salvezza e la santificazione della Sua Chiesa.

E mi pongo questa domanda: il sacramento è valido, ma è efficace? Sarà che sto dando più di me e delle mie parole che di Cristo?

Il fulgore del sacramento “dipende” dalla santità sacerdotale. Il sacerdozio è di Cristo e non nostro. Tutto ciò che faccio per salvare il popolo non mi condanni. Essere sacerdote è avere l’anima in costante pericolo. Siamo chiamati a vivere quell’unione tra Dio e l’umano, come Cristo, ad essere sacerdoti-ponti, figli di Dio e fratelli degli uomini, a sperimentare quella “tensione spirituale” costante tra la miseria della nostra realtà e la grandezza della nostra vocazione e della nostra scelta. Siamo in un processo di santificazione, in un processo costante di “tensione spirituale”. Saremo una corda tesa tra la grandezza di quello a cui siamo chiamati e la miseria di ciò che siamo, e questo risveglia sempre la nostra coscienza. Il nostro modello è il cuore sacerdotale di Gesù, “mite e umile”. Ecco quello che ho letto in questi giorni, nel ritiro dei sacerdoti di Canção Nova, scritto dal cardinale Albert Vanhoye, S.J.:

“[…] La Lettera agli ebrei ci aiuta a percepire che le due qualità del Cuore di Gesù, ‘mite e umile’ (cfr. Mt 11,29), corrispondono alle due dimensioni della mediazione sacerdotale tra Dio e noi. Il cuore ‘mite e umile’ di Gesù è un cuore sacerdotale, il cuore del nostro sommo sacerdote, ‘mediatore di una nuova alleanza’ (cfr. Eb 9,15), stabilita nei cuori (cfr. Eb 8,10; Ger 31,33). Le due qualità che lo caratterizzano corrispondono alle due relazioni, con gli uomini e con Dio, necessarie per la mediazione sacerdotale” (Congresso teologico-pastorale Roma 2007, “Il Cuore sacerdotale di Cristo ci unisce a Dio”).


general audience

Leggi anche:
La cosa più importante per un sacerdote? Mai perdere lo “zelo apostolico”

Il sacerdote è una persona che si è donata, come Cristo, per la salvezza del suo popolo. Dobbiamo vivere sacramentalmente, ovvero quello che il popolo è chiamato a vivere mediante il Battesimo: la donazione. Siamo il Cuore di Cristo a disposizione di tutti. Il cuore del sacerdote dev’essere legato a quello di Gesù per essere quel segno, dev’essere amico di Dio per saper essere amico degli uomini.

  • 1
  • 2
Tags:
aiutosacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni