Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Il vero esorcismo che ha ispirato il film “L’Esorcista”

ALEXIAN BROTHERS HOSPITAL,EXORCISM
L'Alexian Brothers Hospital, sede dell'esorcismo mostrato nel film.
Condividi

La pellicola del 1973 si è basata su una storia vera avvenuta a St. Louis

Nel 1949, un 13enne del Maryland (Stati Uniti) vedeva e sentiva cose strane in casa sua dopo aver giocato con una tavola Ouija. La sua famiglia non sapeva cosa fare, e quindi ha contattato il proprio pastore luterano.

In base a un resoconto degli eventi, il pastore disse: “Vai da un sacerdote cattolico; i cattolici conoscono questo tipo di cose”.

Andarono da un sacerdote locale che in seguito chiese il permesso di effettuare un esorcismo presso il Georgetown University Hospital. Non ebbe buon esito, e il ragazzino ruppe una molla del materasso e ferì il sacerdote.

Gli eventi soprannaturali continuarono, e quindi i genitori sentirono la necessità di fare qualcosa di più. La madre del ragazzino era di St. Louis, e pensò di cercare lì un sacerdote che potesse aiutarli.

La famiglia si stabilì in casa di un parente che si era laureato presso la St. Louis University. Aveva familiarità con i sacerdoti gesuiti dell’università e chiese loro un consiglio. Dopo aver ottenuto il permesso dal vescovo locale, i Gesuiti realizzarono un esorcismo durò quasi due mesi.

Inizialmente venne eseguito in casa, ma poi fu spostato alla St. Louis University e all’Alexian Brothers Hospital.

“Ho partecipato alle preghiere di esorcismo, e il ragazzino aveva delle crisi e diventava piuttosto violento”, ha riferito all’epoca un seminarista gesuita. “E allora padre Bowdern mi ha chiesto di tenerlo… Mi ha rotto il naso”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni