Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Erano prostitute. Ora sono sarte grazie alle Suore Orsoline

youtube
Condividi

Il "miracolo" avviene in una sartoria etnica in provincia di Caserta. Protagoniste sono un gruppo di ragazze nigeriane e la maison Gucci

Da prostitute a sarte, grazie alle Suore Orsoline e alla collaborazione con Gucci, la celebre maison.

Sono un gruppo di ragazze nigeriane che hanno trovato un nuovo orizzonte, lavorando come sarte e producendo magliette, vestiti, borse e cinture con le stoffe che ha loro regalato la maison Gucci, circa 4 mila metri di tessuto.

GUCCI STORE
Raysonho @ Open Grid Scheduler / Grid Engine

Questi manufatti sono in vendita nel laboratorio della cooperativa newHope, una sartoria etnica dove lavorano le ospiti della comunità di accoglienza Casa Rut di Caserta. Il laboratorio è gestito dalle suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria di Breganze (Vicenza), che da 22 anni lavorano al recupero delle ragazze dalla strada (Il Messaggero, 11 giugno).

La cooperativa sociale newHope è sorta nel maggio 2004 da un ”sogno” condiviso tra la Comunità Rut delle Suore Orsoline, la Comunità dei Padri Sacramentini di Caserta, alcune donne immigrate e un gruppo di amiche e amici collaboratori.

Ragazze-madri

La cooperativa ha attivato un laboratorio di sartoria etnica per la formazione e l’addestramento al lavoro a favore di giovani donne migranti, spesso madri, che vogliono integrarsi nel territorio. NewHope – nuova speranza, costituisce una occasione per le giovani di crescere nella loro dignità di persone partecipando pienamente alla vita sociale del nostro Paese, senza correre il rischio di venire nuovamente sfruttate o costrette al lavoro nero e sottopagato.

WOMAN SEWING
Keantian I Shutterstock
Fashion designer Gloria Di Iasio - Roma, Spazio 2.0 (nella sartoria)© Antoine Mekary / ALETEIA

Bottega Fantasia

Dal 2008, accanto al laboratorio di sartoria, è nata la Bottega Fantasia, quella fantasia che ogni giorno le ragazze che lavorano nel laboratorio spiegano nei cuscini, nelle tovaglie, nelle borse e nei tanti oggetti che tagliano, cuciono, inventano. La Fantasia, diventata un marchio, davvero di fabbrica, è quella che di ogni giorno fa un giorno nuovo.

Il manufatto della rinascita

In questo spazio pieno di colori e di fantasia si possono ammirare e acquistare i vari manufatti: borse, zaini, astucci, centrotavola etc..etc… confezionati dalle giovani con creatività e passione con l’esclusivo utilizzo di stoffe provenienti dall’Africa.

Ogni manufatto newHope, creato da queste ragazze, ha un valore immenso, racconta di una rinascita e del coraggio della speranza. Da queste giovani donne – molte diventate madri a Casa Rut – giunge l’invito a credere nei «germogli di vita sempre nuova che l’inverno nasconde e custodisce dentro di sé, anche dentro un’umile mangiatoia».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni