Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

La dimensione spirituale del parto naturale

NEWBORN
Shutterstock
Condividi

Avete già riflettuto sul lato spirituale del fatto di mettere al mondo un figlio?

Forse non vi siete mai fermati a pensare alla scelta tra parto naturale e parto cesareo. Forse siete cresciute sentendo dire che il parto naturale è orribile, che fa troppo male. Forse tutti i medici che avete consultato vi hanno riferito solo dei miti rispetto al parto naturale, presentandovi il cesareo come l’opzione migliore. Forse non avete mai riflettuto sul lato spirituale del fatto di mettere al mondo un figlio. In vista del mio secondo parto, ho pensato che fosse importante parlarne.

Il parto cesareo

Io che apro il grembo materno, non farò partorire?» dice il Signore. «Io che faccio generare, chiuderei il seno?» dice il tuo Dio” (Isaia 66, 9).

Purtroppo siamo inserite in una cultura che sostiene il cesareo. In Brasile i parti di questo tipo arrivano addirittura al 55,6%. Apparentemente il parto naturale è stato messo in secondo piano, e questo sembra tanto… naturale. Il cesareo, che è un intervento chirurgico, è ormai considerato una scelta personale e il modo più comune di mettere al mondo un figlio, ma è proprio così?

In primo luogo, parliamo del cesareo. È un procedimento chirurgico che salva vite, ma non per questo smette di essere un intervento. Comporta molti effetti collaterali e anche dei rischi, e per questo dev’essere eseguito se c’è una reale necessità, perché non è il modo naturale di nascere né il migliore.

Karen Mortean, sulla pagina Fertilidade Inteligente, ha pubblicato un post riassumendo le indicazioni reali per effettuare un cesareo. In questa pagina, nonché in altre come Auxílio no Parto, troverete un’infinità di buon materiale sul tema. Indico anche la pagina del mio ostetrico, il dottor Frederico Bravim.

Benefici del parto naturale

I benefici del parto naturale sono numerosi:

  • in primo luogo, non ci si deve sottoporre a un intervento
  • i rischi di infezione sono minori
  • il travaglio favorisce la produzione di latte materno
  • la madre può tenere in braccio il bambino appena nato e stimolare l’allattamento
  • il legame di quel momento è fondamentale per la madre/padre e il bambino
  • l’utero torna alle sue dimensioni normali più rapidamente
  • ci sono benefici psicologici per la madre
  • le complicazioni sono meno frequenti
  • il recupero dopo il parto è rapido
  • non c’è bisongo di separare la madre dal bambino
  • ci sono meno problemi respiratori per il bambino
  • ci sono minori rischi di nascita prematura…

Purtroppo, al di lè della cultura favorevole al cesareo, in alcuni Paesi come il Brasile vengono messe ancora in atto pratiche superate che fanno sì che molte donne soffrano di violenza ostetrica quando scelgono il parto naturale.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni