Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Muore come missionaria in Giappone la suora più anziana del mondo

© Capture d'écran YouTube
Condividi

È stata anche omaggiata dal Governo giapponese per la sua opera a favore della gioventù dopo la devastazione della II Guerra Mondiale

Quando le mancavano solo 20 giorni per compiere 111 anni, il 4 giugno è morta per arresto cardiaco la missionaria spagnola suor Victoria de la Cruz García, della Congregazione delle Adoratrici.

Ecco alcuni aspetti ispiratori della sua vita e della sua missione:

  • Era nata il 24 giugno 1907, festa di San Giovanni Battista, a Málaga, nel sud della Spagna.
  • Da adolescente aveva partecipato a degli esercizi spirituali, e durante quell’esperienza di raccoglimento e preghiera aveva sentito la chiamata a diventare religiosa adoratrice.
  • Era entrata nel noviziato di Guadalajara, ma nel 1931 la famiglia l’aveva fatta tornare a casa per via della difficile situazione del Paese, sull’orlo della guerra civile (che sarebbe infatti esplosa nel 1936).
  • Victoria, però, non ha desistito: desiderava fortemente tornare alla vita religiosa e alla fine è riuscita a tornare in convento.
  • È stata inviata come missionaria in Giappone nel 1936, arrivando nell’arcipelago dopo un viaggio in nave durato due mesi.
  • Ha sofferto da lontano per l’incertezza sulla sorte dei suoi familiari e compatrioti durante la devastante Guerra Civile Spagnola (1936-1939).
  • Ha subito direttamente la II Guerra Mondiale (1939-1945), che ha colpito in modo grave il Giappone. Era lì quando gli Stati Uniti hanno fatto scoppiare le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki. Durante la guerra, le religiose hanno dovuto cercare rifugio sulle montagne di Karuizawa, a nord di Tokyo.
  • Dopo la guerra ha lavorato in varie scuole del Giappone e si è dedicata instancabilmente alla cura delle ragazze che migravano verso le città vivendo in povertà.
  • È stata anche omaggiata dal Governo giapponese per la sua opera missionaria a favore della gioventù.
  • È stata superiora di varie comunità della sua Congregazione.
  • Negli ultimi anni viveva con la sua comunità religiosa a Kitami (Tokyo), assistendo le donne povere e aiutandole perché non cadessero nella prostituzione.
  • È diventata la religiosa più anziana del mondo.
  • Nonostante l’età avanzata, ha continuato sempre a esercitare la mente. Ad esempio, leggeva ogni giorno i quotidiani in inglese e giapponese.
  • Suonava così bene le nacchere, strumento musicale tipico spagnolo, che è stata invitata da un’orchestra giapponese ad accompagnarla in alcuni concerti.
  • Nel 2017 è apparsa in un video mentre suonava con le nacchere la popolare canzone Que viva España insieme alle consorelle della comunità di Tokyo. Ecco il video, diventato virale sulle reti sociali:

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni