Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconCultura
line break icon

Perché lo champagne era detto “vino del diavolo”?

CHAMPAGNE

Juan Nel I Shutterstock

Caroline Becker - pubblicato il 11/06/18

Sinonimo di festa e di gioia, lo champagne è stato a lungo considerato la bevanda del demonio

La cultura del vino nella regione di Champagne ci è testimoniata fin dal Medioevo. All’inizio le vigne non producevano che “vino bianco”, non effervescente. Per ottenere le bollicine che caratterizzano lo Champagne, il vino – costituito da tre vitigni: pinot noir, pinot munire e chardonnay – deve fermentare due volte.


GIRL DRINKING WINE

Leggi anche:
Sì a un po’ di vino, ma durante i pasti! Lo dice una vera esperta di benessere, S. Ildegarda di Bingen

Delle bottiglie possedute dal diavolo?

Lo champagne non aveva allora buona reputazione, soprattutto nel clero, che rapidamente lo bandì. Lo considerò nientemeno che “il vino del diavolo”. La ragione? I viticoltori di Champagne commettevano (senza saperlo) due grandi errori che rendevano le bottiglie esplosive.




Leggi anche:
Il Barolo nasce per fede e carità di Juliette Colbert

I contenitori adibiti a conservare il vino evolvettero e, col tempo, comparvero alfine le bottiglie di vetro. Queste però non erano appropriate alla conservazione del vino. In Champagne le vendemmie arrivarono piuttosto tardi, e da principio i viticoltori non utilizzavano celle di fermentazione. Una volta che l’uva veniva pressata, il succo ne veniva rapidamente messo in bottiglia e quindi la prima fermentazione non aveva avuto luogo. I viticoltori pensavano di agire bene e di conservare così il massimo degli aromi.




Leggi anche:
La bevanda alcolica che è anche migliore del vino

Ma poiché la fermentazione non era terminata quando la bottiglia veniva tappata, essa proseguiva al suo interno e questa finiva per… esplodere. Era dunque frequente che delle bottiglie esplodessero nelle cantine o a casa dei clienti. Immaginatevi la faccia del prete quando la bottiglia gli scoppiava tra le mani… Incapace di spiegarsene la ragione, attribuiva il fenomeno al diavolo. La bevanda prese dunque il nome di “vino del diavolo”, e per molto tempo se ne sarebbe parlato male.

Le innovazioni del monaco Dom Perignon

Nel XVII secolo entra in scena Dom Perignon. Celebre monaco dell’abbazia di Hautvilliers, egli cominciò a strutturare il processo di fabbricazione dello champagne e introdusse delle inedite innovazioni che avrebbero dato allo champagne il sapore che ancora oggi conosciamo. Avrebbe da un lato introdotto l’uso del tappo in sughero, dall’altro fece tener salda la bottiglia con una cordicella di canapa impregnata d’olio. Inoltre rinforzò le bottiglie adottando un vetro più spesso per evitare che la bottiglia esplodesse. Alcune esplosioni si sono verificate ancora, malgrado tutto: si sarebbe dovuto attendere il XIX secolo, con i progressi di Pasteur sulla fermentazione, per comprendere tutti i misteri dello champagne.




Leggi anche:
Un prete può consacrare senza mettere l’acqua nel vino?

Una volta domato, il vino frizzante perse il suo diabolico soprannome e tornò nelle grazie della società.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni