Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

5 storie ispiratrici di eroi anonimi che hanno dato la propria vita per gli altri

Condividi

di Andrés D’Angelo

Il comandante di un aereo “ammara” sul fiume Hudson a motori spenti e Hollywood realizza un film sull’eroe dai nervi d’acciaio che ha salvato la vita di centinaia di passeggeri e forse di migliaia di newyorkesi. Una barca viene assaltata dai pirati somali e viene girato un altro film su come un uomo può essere decisivo per evitare una catastrofe. Gli eroi anonimi sono fonti di grande ispirazione. Gente comune, che svolge il proprio lavoro di tutti i giorni e all’improvviso si fa notare per atti coraggiosi, rischiosi, o per aver fatto la differenza nel mondo. Hollywood lo sa, e per questo gira molti film su persone ordinarie che poste in situazioni straordinarie reagiscono in modo altrettanto straordinario.

Uno dei modi della santità è questo: poter fare la differenza nella crisi, essere la persona che “salva la situazione”, essere lì quando gli altri ne hanno bisogno, essere un esempio di qualche virtù in grado eroico. Ci sono molti, moltissimi eroi, moltissime persone che messe alla prova, per una grazia del tutto speciale di Dio, hanno agito “come Dio comanda”. Ecco qualche esempio.

1. La virtù del perdono: Immaculée Ilibagiza

Immaculé era la figlia di una coppia di maestri nel Ruanda del 1994. La sua vita scorreva tranquilla tra famiglia e studi universitari quando si è scatenato l’orrore: il Presidente è morto in un incidente aereo, e la tribù degli Hutu ha deciso di attaccare quella dei Tutsi accusandola dell’accaduto. Nel periodo successivo sono morti 1.300.000 persone, tra cui tutta la famiglia di Immaculée, che per salvarsi è rimasta 91 giorni nascosta in uno spazio stretto e oscuro. In quei tre mesi Immaculée recitava tutti i giorni il Rosario, ma quando arrivava a dover dire “come noi li rimettiamo ai nostri debitori” non riusciva a pregare. Ha chiesto a Dio la forza per perdonare chi stava uccidendo la sua tribù e voleva uccidere anche lei, e Dio gliel’ha concessa. Tempo dopo essere uscita dal suo nascondiglio ha incontrato uno degli assassini dei suoi familiari e lo ha perdonato.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni