Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Sempre più ragazzi lasciano le reti sociali, a partire da Facebook

WYŁĄCZONY FACEBOOK
Shutterstock
Condividi

Un nuovo studio sociologico mostra i teenager americani nei social media tra dipendenza e depressione

Non sono tempi facili per Mark Zuckerberg. Non solo il ceo e fondatore di Facebook si è di recente beccato una sgridata nell’Europarlamento per lo scandalo Cambridge Analytica, da parte dell’ex premier belga Guy Verhofstadt, che l’ha accusato di aver “creato un mostro digitale che sta distruggendo le nostre democrazie”, ma da una nuova ricerca del Pew Research Center, intitolata Teens, Social Media & Technology 2018, emerge inoltre che la nota piattaforma sociale sta perdendo quota tra i giovani statunitensi.

Facebook in caduta libera trai ragazzi

Il sondaggio Pew, realizzato dal 7 marzo al 10 aprile scorsi e basato su interviste sia online che telefoniche con 1.058 genitori con figli adolescenti dai 13 ai 17 anni anni e con 743 teenager, rivela infatti che attualmente appena la metà dei giovani nella stessa fascia d’età usa Facebook (il 51%), un calo significativo rispetto alla ricerca precedente (Teens, Social Media & Technology Overview 2015), quando ancora il 71% dei giovani diceva di utilizzarlo.

Questo dato fa capire, inoltre, che Facebook comincia ad essere superato da tre altri social network, cioè Youtube, Instagram [1] e Snapchat, usati rispettivamente dall’85%, dal 72% e dal 69% dei teenager. Chiudono invece la classifica Twitter (il 32%), Tumblr (il 9%) e Reddit (il 7%).

Invece alla domanda su quale sia la piattaforma sociale più usata, più di un terzo dei giovani intervistati risponde Snapchat (il 35%), un terzo circa Youtube (il 32%) e il 15% Instagram. Per solo il 10% dei giovani utenti Facebook è il social network più usato.

Un altro elemento che colpisce nella nuova ricerca Pew è il fatto che Facebook risulta la piattaforma più utilizzata dai giovani che vivono in famiglie meno abbienti. Mentre il 70% dei giovani provenienti da nuclei familiari con un reddito inferiore a 30.000 dollari annui dichiara infatti di usare FB, questa percentuale scende al 56% tra i giovani che vivono in famiglie con un reddito dai 30.000 ai 74.999 dollari annui e al 36% tra i teenager che crescono in famiglie con un reddito annuo dai 75.000 dollari in su.

Emergono anche differenze per quanto riguarda il sesso e l’appartenenza etnica dei giovani utenti dei social network. Mentre le ragazze sono infatti più inclini dei ragazzi ad ammettere che è Snapchat il social network più usato da parte loro (il 42% rispetto al 29%), i ragazzi sono più propensi a identificare YouTube come la loro piattaforma preferita (il 39% rispetto al 25% delle ragazze). Inoltre, i teenager bianchi sono più propensi dei loro coetanei ispanici o afro-americani a dichiarare che Snapchat è la piattaforma che usano più spesso (il 41% contro rispettivamente il 29% e il 23%), mentre i giovani di origini afro-americane sono più propensi dei loro coetanei bianchi a identificare Facebook come il social network più usato (il 26% rispetto al 7%).

L’impatto dei social media sulla vita dei ragazzi

Interessanti sono anche i dati su come i giovani giudicano l’effetto dei social media. Mentre una percentuale importante, cioè il 45% (quindi quasi la metà), sostiene che i social network non abbiano un impatto né positivo né negativo sulle persone della loro fascia di età, il 31% dichiara che le piattaforme sociali hanno un effetto prevalentemente positivo e quasi un quarto, ossia il 24%, sostiene proprio il contrario.

Tra chi giudica l’impatto dei social network positivamente, il 40% dichiara che questi li aiutano a rimanere in contatto e interagire con gli altri. “Penso che i social media abbiano un effetto positivo, perché ti permettono di parlare con familiari molto lontani”, così dichiara una ragazza 14enne. Il 16% inoltre menziona come effetto positivo il maggiore accesso a notizie e informazioni.

Fra i teenager che giudicano negativamente l’impatto delle piattaforme sociali, il 27% menziona che esse hanno portato ad un aumento del fenomeno del bullismo e alla diffusione di dicerie. Per il 17% esse danneggiano le relazioni interpersonali.

Rispetto alla ricerca precedente, quando il 73% dei teenager dichiarava di possedere o almeno avere accesso ad uno smartphone, oggi questa percentuale raggiunge quota 95%, un aumento quindi di ben 22% punti percentuali.

Leggermente diversa è la situazione per quanto riguarda l’accesso ad un computer (sia quello fisso che quello portatile) dentro casa. Mentre ben il 96% dei giovani che vivono in nuclei familiari con un reddito annuo da 75.000 dollari in su ha un computer a disposizione, questa quota scende al 75% per i giovani in famiglie che guadagnano meno di 30.000 dollari annui.

Videogiochi sempre più invadenti

La ricerca Pew contempla anche l’aspetto ludico di Internet, vale a dire i videogiochi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni