Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Cesarei e parti “alla carta”

CESAREAN

Kieferpix - Shutterstock

María Reales - pubblicato il 08/06/18

Sempre più donne pianificano il giorno del parto e si sottopongono a taglio cesareo, ma fa bene alla madre e al bambino?

Leggevo in un forum testimonianze di donne che esprimono una paura tremenda del parto. Pensano che moriranno, che sorgeranno complicazioni, che non sopporteranno il dolore delle contrazioni.

Rosa diceva: “Mi addormentino e me lo tirino fuori, e quando mi sveglio sia già finito tutto”. Questa paura irrazionale del momento del parto si verifica con frequenza, ed è una delle cause che spiegano meglio perché sempre più donne optano per il parto cesareo.

Il cesareo è diventato l’intervento chirurgico più frequente a livello mondiale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) indica che il tasso accettabile è intorno al 10-15% dei parti che presentano complicazioni, ma ci sono Paesi in cui si raggiunge il 60%, una percentuale che non può essere basata su criteri medici stabiliti.

Secondo la American Pregnancy Association, i cesarei si verificano quando al momento del parto c’è una situazione critica, come misura per prevenire situazioni critiche o per scelta. Nei primi due casi, secondo l’OMS, la pratica del cesareo è giustificata da criteri medici per non mettere a rischio la vita della madre o del figlio o evitare complicazioni successive.

Ragioni mediche per realizzare un parto cesareo:

  • Placenta previa
  • Distacco prematuro della placenta
  • Posizione podalica
  • Prolasso del cordone
  • Sofferenza fetale
  • Mancanza di progresso nel parto
  • Cesarei ripetuti
  • Sproporzione cefalopelvica
  • Preeclampsia
  • Difetti di nascita
  • Erpes genitale
  • Diabete
  • Nascite multiple

Cesarei per scelta, perché?

Il cesareo per scelta, ovvero quello che non corrisponde a un criterio medico, ha un maggior rischio di compromettere la salute della madre e del bambino ed è diventato oggetto di polemica, ma anziché diminuire sta progressivamente aumentando.

Ci sono varie ragioni che lo giustificano, ma le più comuni sono queste:

  • Convenienza a livello di giorno e ora per medico e madre
  • Espressa volontà di alcune donne di partorire con taglio cesareo
  • Suggerimento del medico senza aspettare il momento del parto per prevenire complicazioni
  • Pudore sociale, quello che in inglese è definito “too posh to push
  • Ragioni economiche. Un parto naturale e un cesareo non hanno lo stesso costo. In Messico, ad esempio, uno studio ha mostrato che nella sanità privata si verifica il 58% di parti cesarei, mentre in quella pubblica non si arriva al 35%.

Differenze geografiche

Ricardo Pérez, espero della Banca Interamericana per lo Sviluppo, afferma che alcuni Paesi dell’America Latina e dei Caraibi ostentano il maggior indice di cesarei al mondo. Guida la lista la Repubblica Dominicana con il 60,6%, seguita dal Brasile con il 56% e da Messico, Argentina, Porto Rico e Cuba.

Di fronte a queste percentuali, l’OMS dichiara che non c’è alcuna giustificazione perché ci siano tassi di cesarei superiori al 10% o 15%, ma non cessano di aumentare, e “in America Latina e nei Caraibi stanno arrivando a livelli intollerabili”.

Nell’ambito dell’Unione Europea, in Spagna circa il 25% dei parti è cesareo; la Finlandia risponde ai criteri dell’OMS non superando il 15%, mentre in Italia si arriva al 35%.

Vincere la paura

Se durante la gravidanza avete questa paura, sia essa razionale o irrazionale, l’ideale è lavorare su questa sensazione, da sole o cercando aiuto. Dovete parlare con qualcuno per sentire di essere pronte. Non serve che vi dicano “Tranquilla, andrà tutto bene”. Cercate parole che possano darvi davvero tranquillità e sicurezza. Vi suggerisco il libro Parir sin miedo, di Consuelo Ruiz Vélez-Frías, ostetrica che ha assistito ai parti fino a 91 anni e di cui condivido l’opinione che “l’atto di partorire è la funzione più bella dell’organismo femminile”.

Nessuno può trasmettervi l’esperienza di “essere madre”, ma dal momento del concepimento inizia un viaggio lungo 9 mesi durante il quale c’è l’opportunità di prepararsi a livello fisico e psicologico per vivere un momento di profonda emozione, trascendenza e bellezza.

Tags:
parto cesareo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni