Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vi siete mai chiesti come sia l’eternità?

Condividi

Sant'Antonio Maria Claret lo faceva fin da bambino

“Tra i ricordi della mia infanzia, uno è rimasto inciso come fuoco dentro di me. Avevo cinque anni, e a quell’età dormivo poco, non so perché. So solo che trascorrevo ore e ore con gli occhi fissi sul soffitto, pensando all’eternità.

Immaginavo distanze enormi che si susseguivano l’una all’altra: sempre, sempre, sempre… Ah, non ha fine, pensavo. Sempre, sempre! E ascoltavo l’orologio sulla parete: tic-tac, tic-tac. È così, ho capito: tic-tac, senza mai fermarsi!

E mi veniva un’altra idea: e le persone che non si salvano? Non vedranno mai Dio in Cielo? E l’orologio della sala mi rispondeva: tic-tac, tic-tac… Mi provocava dispiacere, perché sono compassionevole per natura. Mi veniva voglia di piangere.

Sono così. Non sopporto di sapere che qualcuno soffre la fame senza dargli un pezzo di pane. Non sopporto di sapere che qualcuno soffre senza che mi venga una voglia sfrenata di alleviare la sua situazione. Sono così. Esito a spendere per me quando penso che ci sono tante persone bisognose.

E mi sorprendevo a pensare: se tante sofferenze fisiche mi colpiscono così, che dire delle sofferenze eterne di coloro che vivono nel peccato mortale? Come posso riposare vedendo che si pecca con tanta facilità, e che le persone così si incamminano verso la morte? Devo correre e gridare ovunque.

Se vedessi qualcuno cadere in un pozzo o in un falò, non inizierei a gridare per salvarlo dalla morte? Perché allora non fare lo stesso per liberare tanta gente dal cadere nel fuoco dell’inferno? Erano queste le cose che mi venivano in mente.

E poi un nuovo stimolo si è aggiunto a questo: pensare che il peccato è anche un’offesa provocata a Dio, mio Padre. Questa idea mi spezza il cuore. Mio Dio! Mio buon Padre!”

Fonte: Autobiografia di Sant’Antonio Maria Claret

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.