Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pellegrinaggi “sulle orme della Sacra Famiglia”: «L’Egitto accoglierà i pellegrini cristiani come i propri figli»

REST GENTILESCHI
Domaine Public
Condividi

Quando è trascorso poco più di un anno dal viaggio di Papa Francesco al Cairo, l’Egitto si mostra molto accogliente per i pellegrini cristiani che ripercorrono le orme della Sacra Famiglia.

«Il cristianesimo fa parte della storia della Chiesa», riassume in un colpo Hisham Mohamed Bard, ambasciatore di Egitto in Italia. Ed è per questo che il suo governo si dichiara “fiero e onorato” di accogliere i pellegrini cattolici. Dopo la Francia – che fa questo già da diversi anni – l’Italia si mette infatti a organizzare pellegrinaggi nel Paese delle piramidi sulle orme della Sacra Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe.

Leggi anche: Papa Francesco prega per i copti d’Egitto e chiede conversione dei terroristi

Seconda nazione dopo Israele a entrare nella storia della Chiesa nascente, l’Egitto è da molto tempo una terra privilegiata per la ricezione della fede giudaico-cristiana. Già nell’Antico Testamento, Isaia aveva profetato che «Dio si farà conoscere dagli egiziani, e gli egiziani conosceranno Dio». L’incontro sarebbe stato provvidenziale per evitare la morte per fame del popolo ebreo, ma non sarebbe avvenuto senza frizioni, allorché i faraoni avrebbero rifiutato di lasciar partire tanta manodopera a buon mercato…

Leggi anche: La lezione di Papa Francesco all’Egitto: uguaglianza e libertà prendano il posto di estremismi e idee omicide

È per sfuggire a un altro massacro, quello dei Santi Innocenti per mano del re Erode, che Gesù Bambino venne portato anche lui in Egitto, dopo la fuga della Sacra Famiglia. Un rifugio durato tre anni e mezzo sul suolo di questo Paese, prima di tornare in Terra Santa.

Leggi anche: Papa Francesco prega per i copti d’Egitto e chiede conversione dei terroristi

È ancora l’Egitto che accoglie e fa nascere nel deserto i primi monaci ed eremiti cristiani, si pensi in particolare a sant’Antonio il Grande, nel III secolo. Dopo secoli di persecuzioni sotto l’impero romano, i cristiani desiderosi di donare tutto a Cristo scelgono un’altra forma di combattimento – stavolta spirituale.

Leggi anche: Le chiavi della visita del papa in Egitto

Ancora oggi, questa terra di ospitalità e di incontri, di storia e di civiltà – non si dice che l’Egitto è la nazione araba più colta di tutte? – è «affetta da cieche violenze», secondo le pregnanti espressioni del Papa, venuto un anno fa per difendere la religione, in particolare l’Islam, contro la tentazione di crimini commessi «nel nome di Dio». Proprio quel giorno una ministra egiziana aveva consegnato una lettera del presidente Abdel Fattah al Sissi, per domandare il sostegno della Santa Sede per un pellegrinaggio… nei luoghi della Sacra Famiglia.

Leggi anche: Da dove viene il coraggio dei Copti in Egitto

Da quel giorno, i pellegrini hanno l’assicurazione del fatto che il governo contribuirà all’organizzazione del loro viaggio. E soprattutto che si prenderà cura della loro sicurezza. «Accogliamo i nostri ospiti come se facessero parte della nostra propria famiglia», ha assicurato l’ambasciatore.

Consolidare la pace regionale

Come l’Egitto era allora stato un rifugio per la Sacra Famiglia, esso deve tornare ad essere un riparo e un sostegno alle attuali popolazioni cristiane – martiri, come lo sono i cristiani d’Oriente, o pellegrini come i cristiani che vengono dall’Europa –. E così, per accogliere in tutta sicurezza i cristiani è stato fatto molto lavoro, «fino ai massimi livelli» – afferma il diplomatico. Per lui, l’Egitto prende posizione contro l’islamismo – non sempre facile da dominare, in questo Paese. La Chiesa copta l’ha imparato a prezzo del sangue dei suoi figli – si pensi ai 21 copti massacrati dagli jihadisti. Quelli però sono stati dichiarati «martiri della fede e della Patria», e contribuiscono indubbiamente, benché misteriosamente, all’attuale luna di miele del governo di Al Sissi con i cristiani.

Leggi anche: Strage copti in Egitto, vedova perdona gli assassini: la reazione del giornalista musulmano è illuminante

Per l’ambasciatore egiziano, il pellegrinaggio sulle tracce della Sacra Famiglia è quindi la logica conseguenza della venuta di Papa Francesco nell’aprile del 2017. Tra tutte le nazioni arabe, è su questa che la Santa Sede conta per rinforzare e consolidare la pace della regione, radicalmente minata in tutto il Medio Oriente.

Leggi anche: Intervista eccezionale col portavoce della Chiesa copta in Egitto

Al Cairo, senza false illusioni o angelici, il Papa aveva indicato una bussola per il dialogo, precisando tre orientamenti fondamentali: «Il dovere dell’identità, il coraggio dell’alterità e la sincerità delle intenzioni».

[Traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.