Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 18 Aprile |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Esistono suggerimenti pratici su come pregare per qualcuno?

MAN,KNEELING,PRAYER

U.S. Air Force photo | Staff Sgt. Jamal D. Sutter

Philip Kosloski - pubblicato il 06/06/18

Qualcuno vi ha mai chiesto “Puoi pregare per me?” È estremamente comune e sottolinea l’importanza della preghiera, soprattutto del pregare per qualcun altro.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica incoraggia questo tipo di preghiera e spiega che “l’intercessione è una preghiera di domanda che ci conforma da vicino alla preghiera di Gesù. È lui l’unico intercessore presso il Padre in favore di tutti gli uomini, particolarmente dei peccatori. Egli ‘può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si accostano a Dio, essendo egli sempre vivo per intercedere a loro favore’ (Eb 7,25). Lo Spirito Santo stesso ‘intercede […], poiché egli intercede per i credenti secondo i disegni di Dio’” (CCC, n. 2634).

Anche prima di Cristo, la preghiera d’intercessione ha giocato un ruolo fondamentale nella storia della salvezza, e tutt’oggi resta un aspetto essenziale della preghiera cristiana. “Intercedere, chiedere in favore di un altro, dopo Abramo, è la prerogativa di un cuore in sintonia con la misericordia di Dio. Nel tempo della Chiesa, l’intercessione cristiana partecipa a quella di Cristo: è espressione della comunione dei santi. Nell’intercessione, colui che prega non cerca solo ‘il proprio interesse, ma anche quello degli altri’ (Fil 2,4), fino a pregare per coloro che gli fanno del male” (CCC, n. 2635).

Per questo motivo, dovremmo prendere sul serio le richieste di preghiera e trovare un modo per soddisfarle. La buona notizia è che non c’è una “formula” per la preghiera d’intercessione. In altre parole, non si può recitare “male”. Dio ascolta le nostre preghiere, anche se le presentiamo in modo inadeguato.

Ad ogni modo, c’è qualcosa che possiamo fare per imitare più da vicino Gesù e pregare per qualcuno con grande cura e diligenza.

Pregare immediatamente

Spesso, quando qualcuno ci chiede di pregare per lui diciamo che lo faremo ma ce ne dimentichiamo rapidamente. È per questo che si suggerisce di pregare subito per chi ce lo ha chiesto. Possiamo farlo a parole nostre o recitando un’Ave Maria o un Padre Nostro per quella persona e le sue intenzioni. Una preghiera semplice è meglio di non pregare affatto.

Pregare con il cuore

Come con qualsiasi preghiera, Dio ama vederci pregare con il cuore, non solo con le labbra. È facile recitare una preghiera che ci è stata richiesta senza metterci alcuna emozione, mentre è molto più complicato accogliere questa richiesta nel proprio cuore e presentarla sinceramente a Dio.

Pregare per i nemici

Come sottolinea il Catechismo, non dovremmo pregare solo per i nostri amici e familiari, ma anche per chi ci fa del male. Papa Francesco è arrivato a dire che pregare in questo modo è un segno di santità. “Sei misericordioso, sei misericordiosa, con le persone che ti hanno fatto del male? O che non ti vogliono bene? Se Lui è misericordioso, se Lui è santo, se Lui è perfetto, noi dobbiamo essere misericordiosi, santi e perfetti come Lui. Questa è la santità. Un uomo e una donna che fanno questo, meritano di essere canonizzati”.

Pregare continuamente

Come Abramo, siamo chiamati a intercedere per le persone non solo una volta o due, ma tutte le volte che è necessario. Dovremmo prenderci l’impegno di pregare ogni giorno per qualcuno, soprattutto recitando le novene di preghiera. Avere una lista di preghiera (un elenco con i nomi delle persone per cui preghiamo) è una pratica molto comune tra i cristiani, ed è un modo splendido per ricordare ogni giorno quelle persone. Dio apprezza la nostra perseveranza e risponderà sempre alle nostre preghiere.

Tags:
preghiera
Top 10
See More