Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sacerdote francescano aggredito a Betlemme mentre difendeva dei pellegrini

ankawa.com
Condividi
Il sacerdote francescano padre Fadi Shalufa, responsabile del santuario della Grotta del Latte di Betlemme, è stato aggredito il 1° giugno da uno dei due giovani che in precedenza avevano molestato un gruppo di pellegrini in visita al luogo della nascita di Gesù. I due aggressori sono stati arrestati dalla Poliliza palestinese.

Wadie Abunassar, portavoce dell’Assemblea degli Ordinari Cattolici di Terra Santa, ha comunicato ai media la dinamica dell’attacco per correggere alcune versioni errate sull’accaduto circolate sui media locali e nelle reti sociali.

Secondo Abunassar, i due giovani stavano molestando un gruppo di pellegrini che si dirigevano alla chiesa della Grotta del Latte, situata accanto alla basilica della Natività. Di frontre a questo, padre Fadi si è limitato a far passare rapidamente i pellegrini all’interno della chiesa, e poi ha chiuso la porta impedendo l’accesso ai due, che da quel momento hanno iniziato a inveire contro il frate. Uno dei due ha anche cercato di colpirlo attraverso la grata con un oggetto contundente, probabilmente un coltello, senza raggiungerlo. La scena è stata registata dalle telecamere di sorveglianza.

Abunassar ha ringraziato l’Autorità Nazionale Palestinese per essersi mobilitata rapidamente e aver fermato i due aggressori, e ha invitato gli utenti delle reti sociali a non lanciare versioni non verificate dell’incidente.

Anche la Custodia francescana di Terra Santa, secondo quanto ha reso noto il sito di notizie online abouna.org, ha espresso la sua fiducia nelle autorità palestinesi e nel loro impegno a garantire il libero accesso ai Luoghi Santi, ricordando che “la sicurezza dei pellegrini, sia locali che stranieri, cristiani o musulmani, è sacra quanto la santità dei luoghi da loro visitati”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni