Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Erano loro i cardinali più papabili secondo il Dipartimento di Stato Americano

CARDINALS;MASS
Jeffrey Bruno | Aleteia
Condividi

Un’informativa rivelava i nomi dei potenziali successori di Giovanni Paolo II. Ma che errore su Ratzinger!

Chi sono i cardinali “papabili” monitorati dai vertici istituzionali degli Stati Uniti d’America? Chi sono i porporati che meritavano un’attenzione particolare al Conclave del dopo Wojtyla?

E’ lunedì 18 aprile 2005. Sono le 16:42. Sui tavoli dei vertici del Dipartimento di Stato Americano c’è un documento riservato, poi svelato da Wikileaks, che parla dell’imminente Conclave.

C’è attesa per il successore di Giovanni Paolo II e gli americani cominciano a monitorare senza sosta alcuni cardinali più di altri. Vediamo le loro previsioni.

Nonostante «le divisioni e le diverse prospettive – si legge nell’informativa – ci sono un certo numero di forti candidati italiani, in particolare il cardinale Dionigi Tettamanzi di Milano (scomparso nel 2017 ndr) e il cardinale Camillo Ruini».

Tettamanzi: migliore profilo, ma…

CARDINAL DIONIGI TETTAMANZI
Paci Serinelli | AFP

Di Tettamanzi si legge: «E’ un moderato che può essere in grado di ottenere il supporto e la mediazione tra conservatori e liberali. Un intellettuale con un tocco pastorale», che «gode di una reputazione per essere discernente e perspicace. Parla inglese limitato. Dopo una partenza ad alta visibilità a Milano che gli è valsa il rimprovero degli addetti ai lavori del Vaticano che credevano di promuovere le sue credenziali papali troppo vigorosamente, Tettamanzi ha più di recente mantenuto un profilo più basso».

A Milano, «Tettamanzi ha impressionato le persone con la sua sensibilità pastorale, l’apertura ai giovani della città e la capacità di cimentarsi con complicate questioni morali e sociali, collocandole in un contesto moderno comprensibile. Probabilmente è il miglior candidato italiano».

Ruini: attira di più del “tedesco non carismatico”

© Vicariatus Urbis

Ruini viene etichettato come un «conservatore» di alto profilo in Italia. E’ considerato un uomo vicino alle istituzioni politiche e di recente è stato tra i protagonisti di «un’intensa e complicata battaglia politica sulle leggi italiane sull’inseminazione artificiale».

«Ha una comprensione ben sviluppata degli affari internazionali e ha chiarito ai suoi funzionari statunitensi forte sostegno a una stretta collaborazione transatlantica con il Stati Uniti, dove ha trascorso del tempo per migliorare il suo inglese. Ruini potrebbe emergere come candidato del gruppo pro-Ratzinger», perché «potrebbe attirare un seguito più ampio del tedesco non carismatico».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni