Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Abbiamo buttato le pantofole e apparecchiato la tavola: amici venite!

TAVOLA, AMICI, ALLEGRIA
Shutterstock
Condividi

Ai giovani che mettono su famiglia: non rinchiudetevi nel vostro guscio, la vostra casa deve sempre essere aperta agli altri

I ricordi hanno fatto irruzione, in modo prepotente, quando Marco, un caro amico di vecchia data, è venuto a cena a casa mia, dopo tanti anni. Si siede e riconosce, con stupore ed emozione, il tavolo e la panca di legno che fanno parte del mio arredamento da ormai 30 anni. Ho cambiato casa, molte cose dell’arredamento sono cambiate, ma quel tavolo e quella panca sono ancora l’altare dove si celebra il rito dei pasti nella mia famiglia.

Proust assaggiava una madeleine e immediatamente il ricordo correva indietro nel tempo; è stato così anche quella sera con Marco, con commozione da parte di tutti noi. Riaffioravano le immagini, ed erano immagini molto belle.
Quando è nato mio figlio (stiamo parlando del 1988), era un po’ complesso uscire con gli amici, ma mio marito ed io non riuscivamo a rinunciare alla buona compagnia. Così invitavamo spesso gli amici a casa nostra a cena e intorno a quel tavolo la combriccola era sempre affiatata e spensierata. Si mangiava, si beveva, si rideva e si cantava. Mio figlio Francesco è cresciuto con questa allegra schiera di zii che giocavano con lui. Credo di avere ancora dei filmini con tutti noi sottoposti alla piccola tortura di cantare canzoni della scuola materna, quelle che si cantano facendo i gesti, “Conosco un cocomero tondo tondo” in cima alla hit parade, tallonato però da “Il cow boy che si chiamava Piero”. Si rideva tanto. Poi Francesco andava a dormire e quando l’ora si faceva tarda arrivava il momento dei cult movies: si guardavano spezzoni di film, i più richiesti erano “I Blues Brothers” e “Brancaleone alle Crociate”.

AMICHE, CUCINA, ALLEGRIA
Shutterstock

Bisognava rispettare alcuni tempi liturgici: la Cena dei Vini Novelli, quando all’inizio di novembre venivano messi in commercio; oppure la c.d. Cena dei Superstiti del 26 dicembre, così chiamata perché chi era sopravvissuto ai pranzi natalizi con i parenti si rifugiava a casa nostra e festeggiava il Natale con gli amici; a fine cena, grande partita di Mercante in Fiera.
Alcuni di quegli ospiti frequentano ancora assiduamente la mia casa, e la cosa mi riempie di felicità. E’ bello quando le amicizie non sono intaccate dalla ruggine del tempo. Altri si sono persi per strada, però ci sono state tante new entry.
Ah, se quella tavola potesse parlare!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni