Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 06 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Selfie davanti alla tragedia. Scandaloso, sì, ma in che senso?

SELFIE TRAIN

YouTube I FLASH 69 NOTIZIE

Annalisa Teggi - pubblicato il 05/06/18

Accade a Piacenza, un giovane si è scattato una foto mentre alle sue spalle giaceva a terra una donna ferita. Ma chi dei due è davvero in pericolo di vita?

«Selfie, selfie delle mie brame, chi è il più cliccato del reame?».

Non diceva così la favola originale, ovviamente, ma raccontava già la nostra storia. Era una regina a pronunciare davanti allo specchio la richiesta assillante di essere al centro degli sguardi di tutti, la più bella.
Era una regina, appunto. Quanto la sanno lunga queste vecchie favole!

Avere un reame, esserne a capo, dominarlo, esercitare il potere, nutrirsi di vanagloria, sterminare chi – come la povera Biancaneve – potrebbe rubare la scena. Perché la brama più grande di una regina meschina, o di un re, è starsene sola al centro dell’inquadratura, essere la sola figura a fuoco in un regno di comparse insignificanti. La brama di una regina è un selfie.

È anche la sua condanna.


Pope General Audience

Leggi anche:
Meno selfie e più strette di mano. Lo seguiamo il consiglio di Papa Francesco?

REGINA, SPECCHIO, INVERNO
Shutterstock

La nostra condanna è stata immortalata in uno scatto che da ieri sta facendo il giro di Tv e  giornali, ma riguarda un fatto del 26 maggio: siamo a Piacenza, in stazione.

Una donna canadese è riversa a terra, dopo essere stata investita da un treno (questo incidente le è costato l’amputazione di una gamba); attorno a lei alcuni soccorritori e di lato, sulla banchina, un ragazzo tutto vestito di bianco che si scatta un selfie di fronte alla scena, facendo con le mani il segno di vittoria. Non è dato sapere quale espressione producesse davanti a favore del suo smartphone (sorride? mima gli sguardi attoniti da film horror?).

Si sono moltiplicati commenti di disappunto, e anche provvedimenti legali a carico del giovane.

Tutto giusto, cioè condivisibile: è un fatto che suscita indignazione, amarezza, un filo di rabbia persino. Per non scatenare tutte le cattiverie viscerali di cui sono capacissima, faccio un passo indietro.

Ritorno al tempo della scuola media quando l’insegnante di educazione all’immagine ci metteva davanti la riproduzione di un quadro e ci chiedeva: «Cosa vedi?».




Leggi anche:
Un selfie al selfie

Ecco. Cosa vedo nella foto che sta facendo il giro del web?
All’estrema destra vedo un gruppo umano, indaffarato attorno a una donna riversa a terra; al centro vedo la linea retta dei binari, un’inesorabile barriera di separazione con ciò che accade all’estrema sinistra: un ragazzo solo, tutto in bianco, che guarda in direzione opposta al gruppo umano.

Per farsi un selfie, lui guarda altrove. Il centro della scena è alle sue spalle e lui fissa lo sguardo in direzione opposta per essere al centro dell’inquadratura col suo volto. Con un click è la telecamera del telefono a girarsi, annullando il gesto più umano possibile: voltarsi verso qualcuno che grida. La regola di questo macabro selfie è perdere di vista l’eclatante, il fulcro, per mettere a fuoco sé. E mettere a fuoco sé significa perdere la realtà.

COPPIA, SELFIE, COLOSSEO
Shutterstock
Per fare un selfie bisogna dare le spalle al vero spettacolo

La vera bandiera bianca che sventola la resa, è questo giovane che si perde il meglio per guadagnare sé. E non guadagna neppure sé. Si crede un re, brama una visibilità virtuale, e in realtà è l’unico ad essere solo, inoperoso e voltato dalla parte sbagliata.




Leggi anche:
“This is water!”, D. F. Wallace ai laureandi del Kenyon college insegna a rompere il guscio dell’ego (VIDEO)

Cosa dice Gesù ad un certo punto?

«Quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?» (Luca 9,25)

È proprio la didascalia della foto che immortala il giovane impazzito per un selfie macabro in stazione: per metterci al centro del mondo, sbagliamo inquadratura … e ci perdiamo. Ed è pure una finta “presenza”: sei parte dello scatto senza essere parte viva della scena. Per essere noi stessi, dobbiamo stare nel vivo del mondo, nel pulsare degli eventi. È quando siamo talmente affogati di realtà da dimenticarci di noi, che il nostro io viene fuori più a fuoco. Rinnegare se stessi per trovarsi, è questa la proposta paradossale di Gesù che trova così tanti segni di conferma nella quotidianità.
Cosa vuoi inquadrare, allora? Anzi. Dove vuoi guardare? A un passo da te accadono miracoli e tragedie, avanti: fai un salto grande oltre quei binari di separazione e indifferenza. Tuffati nella vita, butta lo specchio, il reame e i click.

Tags:
egocentrismoselfie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni