Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 05 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

La domanda che ha cambiato il mio modo di prendere le decisioni

KOBIETA W OKNIE

Kaylee Eden/Unsplash | CC0

Zuzanna Górska-Kanabus - Matthew Green - pubblicato il 05/06/18

Chiederselo può portare a una vita di maggior realizzazione

In generale le persone, me compresa, amano pensare a se stesse come a esseri razionali che prendono decisioni logiche basate sui fatti e sulla ragione, e non trascinate dall’emotività.

Spesso, però, la realtà è piuttosto diversa. Prendiamo regolarmente decisioni basate solo sulle emozioni – un fatto che il marketing usa fin troppo bene a proprio vantaggio. Guardatevi intorno: quante cose avete comprato sulla scia del momento?

Quando è nato mio figlio, ho capito che più spesso di quanto avrei voluto avrei preso decisioni basate sulle emozioni relative a cosa comprare, come agire e come risolvere i problemi.

Da giovane madre senza alcuna esperienza ero costantemente preoccupata, e spesso non sapevo cosa fare. Trovavo molti consigli, ma erano in buona parte in conflitto tra loro, e quindi continuavo a non conoscere la risposta alle mie domande. Oltre a questo, il pianto di mio figlio era una fonte di stress; volevo semplicemente che smettesse il prima possibile.

Che siate madri o meno, vi potete probabilmente riconoscere in questa situazione: per un motivo o per l’altro, la pressione è tale che sareste disposti a fare quasi tutto per alleviarla.

Paura dell’ignoto

Ammetto che in quel periodo ero spesso completamente sopraffatta e agivo in modo impulsivo, per paura, spesso senza neanche fermarmi a riflettere sulla situazione. A un certo punto ho capito che un comportamento del genere era controproducente. Agire impulsivamente non mi faceva risolvere davvero i problemi, e quindi ero solo più stanca e più stressata. Come risultato, non mi davo il tempo per pensare a ciò che mio figlio stava cercando di trasmettermi, e discutevo sempre di più con mio marito.

Un giorno ho capito quanto la paura – paura dell’ignoto, paura di fare del male al mio bambino e paura di commettere un errore – stesse guidando le mie azioni. È stato allora che ho deciso di cambiare.

La domanda che ha cambiato tutto

Quando dovevo prendere delle decisioni ho iniziato a chiedermi: “Lo fai per amore o per paura?” Questa domanda ha cambiato tutto per me. Ho iniziato a notare situazioni in cui la paura era la mia emozione e motivazione primaria, e capirlo mi ha aiutata a fermarmi e a pensare. La mia reazione iniziale era davvero la soluzione migliore?

Da allora ho iniziato a pormi questa domanda non solo nelle situazioni che riguardano i miei figli, ma praticamente in qualsiasi circostanza mi trovo ad affrontare.

Ad esempio, diciamo che qualcuno chiede di venire a trovarci e sento che dovrei dire di sì. Perché? Temo che quella persona si senta rifiutata se dico di no o il mio cuore è davvero apero nei confronti di quella visita? Se qualcuno mi chiede un favore, ho paura di essere giudicata o di trovarmi di fronte a delle pressioni se dico di no o voglio aiutare la persona per amore?

Ciò non vuol dire che la risposta sia sempre bianco o nero; ad esempio, forse ho paura di fare del male a qualcuno perché gli voglio bene. Non vuol dire neanche che non dovrei mai fare qualcosa se la prima emozione è la paura; dopo tutto, la mia paura potrebbe avere una giustificazione più che valida.

Di conseguenza, dovremmo porci più domande. Se sono spinto dalla paura, è ragionevole? Se sono spinto dall’amore, è un amore sano e proporzionato? O è un amore che mi sta accecando, portandomi a prendere decisioni sbagliate?

In genere non abbiamo bisogno di tanto tempo; tutto quello che serve è fermarsi per un momento, fare un respiro profondo e pensare a cosa ci guida. In quel modo potremo prendere una decisione che potrebbe essere accompagnata dalle emozioni ma non controllata da queste.

Tags:
decisionidomande
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni