Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
News

Tikhon, l’uomo che parla all’orecchio di Putin

PUTIN TIKHON

Alexei Druzhinin I Sputnik

3172797 08/18/2017 August 18, 2017. Russian President Vladimir Putin and Russian Prime Minister Dmitry Medvedev during their visit to the Chersonesos Tavrichesky Historical and Archaeological Museum-Reserve. From left: Acting Governor of Sevastopol Dmitry Ovsyannikov and museum director Svetlana Melnikova. Right: Archbishop Tikhon (Shevkunov) of Yegoryevsk. Alexei Druzhinin/Sputnik

Xavier Le Normand - pubblicato il 04/06/18

Dal 30 maggio al 12 giugno 2018 il Palazzo Lateranense a Roma accoglie un’esposizione sui martiri ortodossi russi del XX secolo. Il metropolita Tikhon, vicino a Vladimir Putin, era presente per l’inaugurazione dell’esposizione adiacente alla cattedrale del Papa.

Vescovo, monaco, consigliere presidenziale, sceneggiatore, autore di successo: difficile trovare una parola per definire il metropolita Tikhon Shevkunov della Chiesa ortodossa russa. Ed è soprattutto per una funzione non-ufficiale che è particolarmente noto: il metropolita Tikhon è il padre spirituale – e il confessore – di Vladimir Putin.




Leggi anche:
Geninazzi: «Che errore per i cattolici innamorarsi di Putin»

Eppure niente sembrava dirlo destinato a sussurrare all’orecchio del Presidente-Zar, o piuttosto ad ascoltare le confessioni del capo della seconda potenza nucleare mondiale. Il futuro metropolita è nato nel 1958 a Mosca, capitale di ciò che allora era l’Unione Russa Stati Sovietici. La Chiesa ortodossa era esangue, perseguitata dai sovietici.

Non è che nel 1982, all’età di 22 anni, che l’uomo chiamato allora Georgiy Alexandrovich ricevette il battesimo, dopo studi di cinematografia. A partire da quel momento, il giovane sembra bruciare le tappe: l’anno stesso entrò in uno dei pochissimi monasteri ancora aperti.




Leggi anche:
Putin accusa la Turchia: “Compra il petrolio dall’Isis”

Nel 1990 venne invitato a pronunciare i voti perpetui di monaco. Come secondo la tradizione avviene spesso, cambiò nome prendendo quello di Tikhon – una scelta tutt’altro che anodina. È infatti un riferimento al patriarca Tikhon, canonizzato dalla Chiesa ortodossa russa qualche mese prima. Morto nel 1925, sette anni dopo la rivoluzione bolscevica, è un martire delle persecuzioni anti-cristiane dell’URSS.

Niente era più importante della fede, per i cristiani ortodossi – spiega Tikhon –, neanche la salute e neppure la vita.

Del resto le cifre mettono le vertigini: nel 1914 la Chiesa ortodossa contava 120 milioni di fedeli. Nel 1937 non erano più di 42 milioni. Dei 139 vescovi, solo quattro erano ancora in libertà e in vita. Quanto ai 70mila preti diocesani, non ne restavano più di 200.




Leggi anche:
Quei cattolici contro Francesco che adorano Putin

False accuse, imprigionamenti e assassinii: niente sarebbe stato risparmiato agli ortodossi di Russia. La piccola comunità cattolica non è da meno: alla fine degli anni ’30 solo due chiese erano ancora aperte legalmente. Non bisogna dimenticare che nel 1922 Lenin scrisse in una lettera al Politburo: «Più riusciremo a fucilare rappresentanti della borghesia reazionaria e del clero reazionario, meglio sarà».

Ma quello che il capo sovietico non sospettava era che il sangue di codesti martiri sarebbe giunto a irrigare la terra russa. Dando la vita per Cristo, spiega il metropolita Tikhon, essi hanno innalzato la propria vita al di sopra di tutto. Tutta la macchina sovietica e 70 anni di oppressione non sono riusciti a far tacere la loro testimonianza di vita.




Leggi anche:
Gli 80 anni del Papa, auguri da Ratzinger e dai capi di Stato. La telefonata di Putin

Oggi l’URSS non esiste più. Le statue di Lenin sono state smantellate. I martiri, invece, vengono elevati alla gloria degli altari, i cristiani rendono loro omaggio. Quanto a Vladimir Putin, non prende alcuna decisione importante senza consultare Tikhon. «I cristiani hanno vinto il bolscevismo», conclude il confessore presidenziale.

[Traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesa ortodossarussiaunione sovieticavladimir putin
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni