Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 06 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

5 modi per pensare al Paradiso

JESUS,HANDS,HEAVEN

Shutterstock

Tom Hoopes - pubblicato il 04/06/18

Il Paradiso non è l'annientamento del cosmo e di tutto ciò che ci circonda...

Come sarà il Paradiso? La domanda è cruciale, perché tutto dipende da questo: il Paradiso è la meta che ci sforziamo di raggiungere mentre siamo qui sulla Terra.

È comunque difficile rispondere a questa domanda, perché il Paradiso è impossibile da descrivere. San Paolo l’ha visto e lo ha definito “ineffabile”. Lo ha visto anche San Tommaso d’Aquino, e ha ritenuto che l’immenso lavoro della sua vita al confronto non fosse altro che “paglia”.

[script_connatix_id_article cnx-video=”502051″ token=”80b71ee4-d96a-4bbc-ad3f-c4253690335b” /]

Ad ogni modo, a questa domanda sono state fornite varie risposte che trovo confortanti. Eccone cinque:

1: Il Paradiso è un “oceano di amore infinito”

Papa Benedetto XVI ha offerto dei pensieri poetici nella sua enciclica sulla speranza del 2007, la Spe salvi. In primo luogo, ha riconosciuto che a molta gente il Paradiso può sembrare noioso, perché la “vita eterna” suona come qualcosa di cui “siamo prigionieri” in “un continuo susseguirsi di giorni del calendario”, ma non è così.

Il Paradiso è “il momento colmo di appagamento, in cui la totalità ci abbraccia e noi abbracciamo la totalità”. La vita eterna è come “immergersi nell’oceano dell’infinito amore, nel quale il tempo – il prima e il dopo – non esiste più”.

“Possiamo soltanto cercare di pensare che questo momento è la vita in senso pieno, un sempre nuovo immergersi nella vastità dell’essere, mentre siamo semplicemente sopraffatti dalla gioia”.

2: Il Paradiso è la casa dei nostri sogni

Ad ogni modo, potrebbe ancora suonare un po’ strano. La mia immagine preferita del Paradiso è quella che presento ai miei figli: in Paradiso riusciremo finalmente a vivere nella “casa dei nostri sogni”.

Paolo ha seguito Gesù descrivendo il Paradiso in questo modo: “un edificio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna, nei cieli”.

I Padri della Chiesa concordavano. Il Paradiso “contiene un’abbondanza di dimore, sempre pronte a ricevervi”, diceva San Giovanni Crisostomo. “Intende evidentemente che ci sono già molte dimore”, ha scritto Sant’Agostino.

E allora il Paradiso è in qualche modo un meraviglioso “edificio di Dio”, ma dovremmo fare attenzione a non pensare a una dimora celeste solo in termini materialistici. I piaceri del cielo non includeranno piscina e cose simili.


MOM DAUGTHER RAINING

Leggi anche:
Se ti sai amato, tutto è Paradiso. Anche i problemi

3: La vera gioia del Paradiso sarà il fatto di arrivare finalmente a “casa”

Amo il modo in cui ne parla il sacerdote gesuita Robert Spitzer. Una “casa dei sogni” terrena, afferma, non ci soddisferebbe, perché i nostri desideri puntano a qualcosa che va al di là del mondo materiale.

Aneliamo all’Amore Incondizionato, alla Bontà Incondizionata, alla Verità Incondizionata e alla Bellezza Incondizionata, e nessuna di queste cose si può trovare sulla Terra.

Aneliamo anche all’“Essere Incondizionato”, che egli definisce “Casa”.

“Gli esseri umani cercano anche un’armonia perfetta”. “Non vogliono solo sentirsi a casa in un ambiente particolare, ma anche essere a casa nei confronti della totalità, essere a casa nel cosmo”.

“Avete mai provato, da bambini o da adulti, un senso di alienazione o di discordia, un profondo senso di non appartenenza?”, chiede. Ma vi siete anche sentiti “a casa”, aggiunge. “Quando il desiderio della Casa perfetta è soddisfatto seppur parzialmente, i filosofi, i teologi e i mistici si riferiscono ad esso come a gioia-amore-stupore-unità-santità-quiete”.

C’è solo un posto in cui questo sentirsi a casa è più che temporaneo.

Il Paradiso, la casa del Padre, è la vera patria verso la quale ci dirigiamo e a cui già apparteniamo, ricorda il Catechismo.

Come dice San Paolo, “la nostra patria è in cielo”.

4: La vita eterna porterà “cieli nuovi e terra nuova”

Un’altra lezione che amo insegnare ai miei figli è che il Paradiso non sarà del tutto diverso dalle cose che amiamo ora – perché ne sarà la massima espressione.

Papa Francesco lo ha sottolineato di recente, citando San Pietro e il Libro della Rivelazione, che descrive “cieli nuovi” e “terra nuova”.

“Tutto l’universo sarà rinnovato e verrà liberato una volta per sempre da ogni traccia di male e dalla stessa morte”, ha detto il Pontefice. Il Paradiso non è “annientamento del cosmo e di tutto ciò che ci circonda, ma un portare ogni cosa alla sua pienezza di essere, di verità, di bellezza”.

5: Soprattutto, il Paradiso sarà un incontro con Gesù Cristo

Il Paradiso, ad ogni modo, non è fondamentalmente un oceano di gioia, la casa dei propri sogni, la patria o una nuova Terra. Non avremo bisogno di nessuna di queste cose per evitare di annoiarci in Paradiso, dice Papa Francesco, perché il Paradiso è l’incontro con Gesù.

Incontrare Gesù, però, sarà emozionante solo per chi lo conosce e lo ama.

Il beato John Henry Newman ha detto una volta che il Paradiso sarà simile a una chiesa – un luogo in cui contemplare Gesù con i suoi angeli e i suoi santi.

“Il Paradiso sarebbe un inferno per un uomo non religioso”, diceva Newman. Se qualcuno che non ama Gesù e i suoi angeli dovesse entrarvi, “quanto sarebbe disperato vagandovi!”

Conoscetelo ora, e non avrete nulla da temere.

Tags:
paradiso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni