Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il 2 Giugno a Torino si prega per il bene della Repubblica

Anthony the Great
Antoine Mekary | ALETEIA
Condividi
Monsignor Cesare Nosiglia ha disposto che oggi, 2 giugno Festa della Repubblica, in tutte le chiese di Torino si preghi per il bene della Repubblica, per la salute delle istituzioni e dunque per quella casa di tutti che è e deve essere la democrazia in Italia.

«Nella delicata situazione politica del nostro paese, – recita il testo della preghiera inviata a tutte le chiese della diocesi torinese – invochiamo il Signore perché doni a coloro che sono chiamati a governare l’intelligenza e il cuore di cercare con il massimo impegno il bene comune, e a tutto il popolo italiano la capacita’ di accompagnare questo sforzo con partecipazione intelligente e fiduciosa».

Le istituzioni della democrazia, così come sono immaginate nella nostra Costituzione, ha spiegato il presule, sono alla base di quel «bene comune al cui servizio tutti i cittadini, senza distinzioni, sono chiamati». Ed ancora: «Sentire nostra la Repubblica significa anche maturare una consapevolezza più precisa del ruolo dell’Italia nella comunità internazionale e del quadro di accordi in cui il nostro Paese si è liberamente impegnato».

Una iniziativa che non ha un valore di parte, nella giornata in cui si festeggia l’unità nazionale, un bene che i cattolici hanno contribuito a caro prezzo prima a costruire, poi a difendere pagando tributi altissimi sia durante la Liberazione che poi durante la cosiddetta Prima Repubblica.

Una preghiera per i nostri nuovi governanti, chiamati a realizzare il bene del Paese, è davvero cosa buona…

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni