Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Paola Saluzzi: la fede è la bussola della mia vita

PAOLA SALUZZI

ALESSANDRO DI MEO / POOL / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 01/06/18

La giornalista: "Grazie al Signore, anche nelle tragedie più gravi scopro tratti straordinari di vita". I suoi santi preferiti. Il suo giudizio su Ratzinger e Bergoglio

Ratzinger? Tenace. Francesco? Tenero. Dio? Ha imparato a glorificarlo sin da bambina. Paola Saluzzi racconta il suo rapporto intenso con la fede.

La giornalista è tornata su Tv2000 con la trasmissione Ritratti di coraggio, nuovo ciclo di reportage che raccontano la disabilità, le persecuzioni razziali, le spose bambine, storie di difficoltà con un filo: il coraggio.

“Ho la fede di Don Camillo”

Di recente Paola ha perso una persona carissima: la madre, che le aveva insegnato ad essere credente. «Mia madre amava ripetere: “Io ho la fede di don Camillo. Bisogna parlare direttamente con Gesù: quando hai un pensiero o qualcosa che ti turba, parla con lui perché c’è sempre qualcuno che ti ascolta”. Inoltre, i discorsi e i gesti legati alla fede erano sempre accompagnati da una grande tenerezza».

Per esempio, prosegue la giornalista, «all’epoca della mia infanzia, i bambini più piccoli erano esentati dal seguire la Messa. Noi andavamo comunque in chiesa: non per la funzione, ma per ringraziare Dio della settimana che ci aveva donato. Entravamo, restavamo un po’, e poi si poteva andare a giocare. Un gesto semplice, di affetto».




Leggi anche:
Alessandro D’Avenia: con la bellezza anche un non credente incontra Dio

“Arrivederci”

Un altro aneddoto sull’insegnamento materno della fede. «Ricordo che spesso, a tavola, commentavamo insieme le notizie o le cose terribili che accadevano nel mondo. Mia madre riusciva sempre a dialogare con noi, riconoscendo le cose per quello che erano e motivandole, ma su un punto era irremovibile: nulla di tutto ciò che potevamo vedere o sentire doveva indurci a mettere in discussione la fede. Così è stato».

Persino lo scorso Natale, rammenta Saluzzi, «quando mi sono trovata al capezzale di mia madre, nel reparto di oncologia, mi è venuto spontaneo dirle: “Arrivederci”, anziché “Addio”. Ora che lei è morta sono ancora più determinata a custodire e a fare mio quello che mi ha insegnato».

La fede e le tragedie

Ecco perché l’essere credente, per la giornalista, è un vero caposaldo. «La fedeti permette di scorgere, persino nella tragedia più grande, tratti straordinari di vita. Per questo da sempre mi batto affinché, nel racconto giornalistico, ci sia sempre spazio anche per il racconto di chi, all’interno di quella tragedia, si è battuto per il bene, per contrastare l’ombra» (Credere, 1 giugno) .


VANESSA INCONTRADA

Leggi anche:
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrovare la fede

I cinque santi

8
© Public Domain
In questa foto si vedono chiaramente le stigmate che portava Padre Pio.

La fede è vissuta intensamente anche nel rapporto con i santi. La Saluzzi ne è devota a diversi. A «San Francesco e San Pio per i quali mi viene difficile chiamarli santi perché sono stati, seppur in epoche diversissime, prima di tutto uomini come noi. San Giuseppe da Copertino, patrono degli studenti che invocavo prima di ogni interrogazione e del quale sono riuscita a trasmettere l’autentica devozione ai miei nipoti. San Gennaro che mi lega così indissolubilmente a Napoli e San Michele Arcangelo che considero una figura bellissima: mi ha insegnato come nella vita occorre tanta tenacia e “burbera bontà”».

Il coraggio di Ratzinger

PAPIEŻ BENEDYKT XVI, GALERIA ZDJĘĆ
REPORTER

La giornalista ha anche un’idea ben precisa della convivenza tra i due papi. Su Benedetto XVI dice: in lui «si è palesato un incredibile coraggio sia nello scendere dal trono di Pietro che soprattutto nello sparire al mondo. Nei confronti della Chiesa esiste da sempre un atteggiamento “cannibale”: non si vede l’ora di divorarla, di parlarne male, di coprirla di fango. E per un credente tutto questo è davvero molto doloroso».




Leggi anche:
Ratzinger eretico? Non diciamo assurdità!

“Piansi quando vidi quell’elicottero…”

Quel pomeriggio del 28 febbraio 2013, il giorno dell’addio di Ratzinger, «non lo dimenticherò facilmente: finii la diretta e mi attaccai ai monitor della redazione. Mentre osservavo l’elicottero del Papa raggiungere Castel Gandolfo piansi. Provai una sensazione per certi versi simile a quella degli apostoli. Mi chiedevo:”Ed ora cosa succederà”? Non so perché ma ero convinta che da lì a poco sarebbe capitato qualcosa di straordinario».

La dolcezza di Francesco

Papa Francesco e gli astronauti
Papa Francesco ascolta gli astronauti collegati in diretta dalla Stazione Spaziale Internazionale

E così accadde. Dice di Papa Francesco: «Lo Spirito Santo ci ha donato un uomo che è un autentico portatore di dolcezza, di tenerezza. Mi piace comunque ricordare che abbiamo due colonne granitiche a nostra disposizione: una che continua incessantemente a pregare in silenzio per l’umanitàe un’altra che continua a stupirci regalandoci immediatezza e calore (A Sua Immagine magazine, 2013).


PAPIEŻ FRANCISZEK CELEBRUJE MSZĘ ŚWIĘTĄ

Leggi anche:
Papa Francesco: la tenerezza di Dio al centro dell’omelia a Santa Marta

Tags:
credentediofedemamma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni