Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Mariti, imparate da me che sono mite e prodigo di complimenti!”

GIRL SMILING WITH BOYFRIEND
Condividi

Perché le omissioni, cari miei, sono gravi! Soprattutto se si tratta di vostra moglie, che si accorge di tutto.

Lettere a una moglie #2 (ovvero l’esodo del duo con l’anello noto in tutto il mondo come Mienmiuaif) di Giuseppe Signorin

You are the Sherlock Holmes of my heart, my love. Se sapessi scrivere una canzone in inglese, inizierebbe così. Tu sei la Sherlock Holmes del mio cuore, amore mio. L’investigatrice in grado di capire quelle cose di me che nemmeno io capisco: se singhiozzo, per esempio, è perché sto mangiando troppo in fretta. Chi l’avrebbe mai detto? Tu, fulminandomi con lo sguardo oggi a pranzo. Il che potrebbe sembrare un fatto superficiale, se non avesse a che fare con uno dei peccati capitali: la gola. Non è solo questione di singhiozzo, ma di indebolimento e imbruttimento dell’anima. Sì, io con il cibo non ci so fare. Mi abbuffo, mi faccio dominare. E poi sto male.

Fisicamente, ma anche a un livello più profondo, perché siamo corpo e anima, e appesantire il primo non ha ottime conseguenze sulla seconda. La Sherlock Holmes del mio cuore, però, non si accorge solamente di quegli atteggiamenti o di quelle azioni che devo evitare. Sei in grado di investigare in maniera molto più raffinata, amore mio. Le omissioni, per te, sono altrettanto importanti. “Chi dunque sa fare il bene e non lo fa, commette peccato”, scriveva san Giacomo (anche a lui piacevano le lettere). E ancora: “Non lasciare mai di fare il bene per paura della vanità, perché questo viene dal demonio”, spiegò un anziano sacerdote a Kiko Arguello, il fondatore del Cammino Neocatecumenale. Per evitare che io commetta peccato e non faccia il bene per paura della vanità, mi tieni in allenamento quotidianamente, pretendendo da me serie (non ripetitive) di complimenti (stimolando così, al contempo, le mie competenze in fatto di sinonimi). Ogni giorno mi chiedi di dirti cose belle. Cose che ti riguardano, ovviamente.

Quando punto sul lato intellettuale, scorgo in te micro segnali di vero e proprio dolore, come se non mi accorgessi della tua grazia estetica. Quando invece punto sul lato estetico, ecco che i micro segnali di vero e proprio dolore sembrano riguardare il lato intellettuale, non valorizzato. Dentro di me si scatenano allora sensi di colpa e scrupoli a catena. Che cosa le ho detto? Che cosa avrei dovuto dirle? Che cosa dovrei dirle, adesso? Elementare, Watson. Elementare un fico secco (citazione evangelica). Fare il bene non è semplice, amore mio. Ma è inutile lamentarsi. Anzi, posso solo ringraziare il buon Dio per aver messo al mio fianco una Sherlock Holmes come te, un’investigatrice che il personaggio inventato da Sir Arthur Conan Doyle, al confronto, era solo una bozza preparatoria. In versione femminile, poi. E che versione femminile! (Maschietti, imparate da me che sono mite e prodigo di complimenti). Che Dio sia misericordiosissimo e mi tenga sempre aggiornato sui sinonimi (di quelli meno comuni, magari, di cui pochi sanno il significato). Ti amo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni