Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Chiesa chiude ogni spiraglio: mai una donna sarà sacerdote

PALM SUNDAY
Corinne SIMON/CIRIC
Condividi

Il prefetto per la Congregazione della Fede: nessuna retromarcia. E chiarisce sul documento di Giovanni Paolo II

La preclusione al sacerdozio femminile per la Chiesa cattolica è decisione che non si cambia.

Lo ha scritto e ribadito sull’Osservatore Romano (29 maggio) il neo-cardinale Luis Ladaria, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede.

Ladaria spiega che la Chiesa si è riconosciuta «sempre vincolata a questa decisione del Signore, la quale esclude che il sacerdozio ministeriale possa essere validamente conferito alle donne».

Evidentemente, scrive La Repubblica (29 maggio) il ritorno di proposte aperturiste circa le donne-prete avanzate soprattutto in alcuni paesi sudamericani in vista del Sinodo dei vescovi di ottobre dedicato all’Amazzonia, ha allarmato la Santa Sede, che attraverso la sua massima autorità gerarchica ha voluto ribadire ciò che anche per Papa Francesco sembra essere assodato: «Sull’ordinazione di donne nella Chiesa l’ultima parola chiara è stata data da Giovanni Paolo II, e questa rimane», ha detto Bergoglio tornando nel novembre del 2016 dal suo viaggio lampo in Svezia.

La Ordinatio sacerdotalis

Dunque, come conferma il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede sull’Osservatore Romano, non verrà cambiata la decisione ribadita da Wojtyla nel 1994:

Giovanni Paolo II, nella lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis, del 22 maggio 1994, ha insegnato, «al fine di togliere ogni dubbio su di una questione di grande importanza che attiene alla stessa divina costituzione della Chiesa» e «in virtù del [suo] ministero di confermare i fratelli» (cfr. Luca, 22, 32), «che la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l’ordinazione sacerdotale e che questa sentenza deve essere tenuta in modo definitivo da tutti i fedeli della Chiesa» (n. 4). La Congregazione per la dottrina della fede, in risposta a un dubbio sull’insegnamento di Ordinatio sacerdotalis, ha ribadito che si tratta di una verità appartenente al deposito della fede.

In questa luce desta seria preoccupazione veder sorgere ancora in alcuni paesi delle voci che mettono in dubbio la definitività di questa dottrina. Per sostenere che essa non è definitiva, si argomenta che non è stata definita ex cathedra e che, allora, una decisione posteriore di un futuro Papa o concilio potrebbe rovesciarla. Seminando questi dubbi si crea grave confusione tra i fedeli (…).

La “sostanza dela sacramento”

In primo luogo, per quel che riguarda il sacerdozio ministeriale, evidenzia Ladaria, la Chiesa riconosce che l’impossibilità di ordinare delle donne appartiene alla «sostanza del sacramento» dell’ordine (cfr. Denzinger-Hünermann, 1728).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni