Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Lo “Spiderman” del Mali che ha salvato un bambino a Parigi

MAMOUDOU GASSAMA
Condividi

Mamadou Gassama è un giovane immigrato irregolare la cui impresa sta facendo il giro del mondo

Si chiama Mamadou Gassama ed è un giovane del Mali irregolare. Senza un attimo di esitazione, ha scalato quattro piani di un edificio parigino per salvare un bambino che era rimasto sospeso nel vuoto.

Erano passate da poco le 20 di sabato 26 maggio in rue Marx Dormoy a Parigi. La folla si era riunita ai piedi di un palazzo. Quattro piani più sopra, un bambino di quattro anni pendeva da un balcone. Due adulti su un balcone vicino cercavano di prenderlo senza successo.

Varie persone hanno cercato di salire al primo piano dell’edificio per tentare l’impossibile. Tra loro c’era Mamadou Gassama. Dopo qualche secondo, è stato l’unico a riuscire a raggiungere il balcone del primo piano, alto cinque metri.

Il resto della scena, spettacolare, è stato filmato dai passanti sbalorditi. Si vede il giovane scalare a mani nude in trenta secondi altri tre balconi fino a raggiungere il quarto piano e recuperare il bambino. L’esito felice della vicenda è stato salutato dagli applausi di tutti i presenti.

Presentato da molti come un eroe, Mamadou Gassama ha detto di aver “visto molta gente che gridava e suonava i clacson. Ho pensato a come si poteva salvare quel bambino. Sono riuscito a raggiungere il balcone, ho scalato il resto e grazie a Dio l’ho salvato”.

Il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha annunciato su Twitter l’intenzione di concedere a Mamadou la nazionalità francese come segno di riconoscimento per i suoi meriti, e che “il Corpo dei Pompieri di Parigi è disposto ad accoglierlo”.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni