Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“La vita è una danza!”, la clip dei ragazzi speciali che fa impazzire i social (VIDEO)

VIDEO VITA UNA DANZA
Condividi

Fanno parte dell'oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella e si esibiscono sulle note di una cover del tormentone de Lo Stato sociale. Per alzare la propria voce, senza urla, e dire che chi è più debole ha la stessa dignità di tutti e ha parecchio da insegnarci

«Mi chiami diverso o handicappato…», «…La mia condizione ne sono sicuro ti porta a pensare un futuro oscuro». Queste ed altre espressioni in rima riempiono la cover del brano Una vita in vacanza de Lo stato sociale passato dal Festival di Sanremo di quest’anno e ora a tutti gli effetti tormentone di stagione. Ci troviamo sul set della clip La vita è una danza all’Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella, in provincia di Messina.

Il video è stato pubblicato su Youtube il 25 aprile scorso e sta raccogliendo centinaia di migliaia di visualizzazioni e condivisioni tra canale video e pagina Facebook di Saverio Mancuso, che compare anche tra i titoli di coda come regista e autore dei testi. Un video ben fatto, con tanto di ciak iniziale, regia, montaggio, studio di registrazione, immagini di backstage. C’è la coreografia, semplice ma curata: ci sono pure le comparse che rappresentano “gli altri”, quelli che sbeffeggiano, rifiutano e ridacchiando escludono.

 

Ma quando capirai che la vita è una danza, si salta e si balla? Io non sto chiuso in stanza ma qui all’oratorio adesso si canta! Io non sono diverso, non mi sento più perso e ‘e d’amore mi riempio i polmoni!(…)

Sono così: che ci posso fare? Predisponi il cuore ad amare. T’insegno io a realizzare che la vita è una danza…

Sono infatti i ragazzi “lì all’oratorio” che si incaricano di insegnare agli altri, a quelli belli e laureati, che appunto la vita è una danza e «se non lo capite siete ciechi, siete fuori». Non è così vero che nessuno è normale; la normalità, di un’umanità profondamente ferita, certo, esiste e la malattia e la disabilità pure. Ma quello che dicono, cantano, danzano questi ragazzi è che la vita, la loro come quella di tutti, anche i provvisoriamente sani, è fatta di gioia e dolore, di amore, appartenenza e legami.

Hanno un compito davvero decisivo ed epocale i piccoli, in ogni tempo, ma ora forse di più: alfabetizzare una società che rischia di smarrire il frasario elementare dell’umano perché non sa più con evidenza assoluta che l’uomo è prezioso, la persona intoccabile, il suo valore non monetizzabile.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.