Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 consigli liturgici e spirituali per i ministeri della musica e i cori parrocchiali

Condividi

di Jhan Sayago, musicista cattolico, Venezuela

Nella maggior parte delle parrocchie c’è un coro o un ministero musicale che si incarica del servizio liturgico durante la Santa Messa domenicale, ma il coro o il ministero a volte non compie come dovrebbe la sua missione di essere musicista di Dio. Ecco quindi cinque consigli, sia liturgici e che spirituali, per chi serve Dio attraverso la musica.

1. Riconoscere che siamo strumenti del Signore

Ci siamo forse imbattuti nel coro in qualche cantante o musicista che vuole essere la star, che salmodia solo a Pentecoste o in qualche altra solennità, che vuole sempre spiccare nel coro, far sì che la sua voce risuoni più di quella degli altri, che vuole fare gli assoli di chitarra a Messa…

A questi musicisti vorrei dedicare questo primo consiglio, che è spirituale: la Santa Eucaristia non è un atto in cui dimostriamo i nostri doni e i nostri talenti agli altri, ma un sacramento in cui Cristo si rende presente, in corpo, anima e divinità, sotto le specie del Pane e del Vino. La Messa, quindi, non è un concerto. Il centro della Messa è Cristo, la star è Lui.

Per far fronte a questo problema, raccomando la preghiera di San Francesco: “Signore, fa’ di me uno strumento della tua pace”. Se cercate la fama, gli applausi e i fans state perdendo tempo. Investite in qualcosa di meglio, anche se non c’è niente di meglio che cantare per Dio.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni