Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La testimonianza toccante di un padre il cui figlio ha una paralisi cerebrale

ROAS
Condividi

José Manuel Roás ha Pablo, con paralisi cerebrale, il giornalista e scrittore Andrés Aberasturi ha Cris, anche lui con handicap grave. Due padri impegnati al cento per cento

“Credo che abbiamo qualcosa in comune”. Così ha detto José Manuel Roás ad Andrés Aberasturi quando lo ha incontrato per la prima volta. Il giornalista e scrittore spagnolo stava rilasciando un’intervista a Risto Mejide a Chester, un programma del canale Cuatro, trasmettendo la dura realtà che vive ogni giorno con il figlio Cris, che soffre di paralisi cerebrale, una malattia difficile che ha modellato la visione della vita di suo padre.

Risto ha voluto presentare José Manuel, noto perché corre maratone con il figlio Pablo e che ha partecipato al programma per spiegare come viveva la malattia di suo figlio e trasmettere che Pablo è la sua passione, come Cris lo è per Aberasturi.

Questi due padri sanno bene cosa sia la sofferenza: “Quando hai un Cris, quando hai un Pablo, parlare di sofferenza è un’ovvietà. Chi non è in grado di intendere lo scandalo della sofferenza degli innocenti!”, ha detto Roás. In quel momento Aberasturi gli ha chiesto se sapeva dare una risposta a quella sofferenza, e Roás gli ha risposto che la trova nella pratica, nella quotidianità.

Leggi anche: La madre di un bimbo con paralisi cerebrale emozionata davanti al Papa

ROAS
Jose Manuel Roás Triviño - Facebook

Gli ha quindi esposto tre momenti chiave della sua vita.

Il primo è un segno per il quale è entrato in panico e che gli ha cambiato al vita. Il secondo, che definisce “l’impossibile”, è quando ha scoperto la malattia del figlio Pablo, che ha trasformato completamente la sua realtà. Il terzo momento è “vedere che l’impossibile è diventato possibile. Non so spiegare perché, ma la sofferenza e la felicità sono unite”. In questa realtà, ha spiegato, riesce a rendere grazie a Dio per aver agito nella debolezza.

Leggi anche: Azat, mago della tecnologia affetto da paralisi cerebrale: “Lavorare mi fa stare bene”

“Quando lo vedo nelle corse, quando lo accompagno in prima fila e lo vedo ridere, chiunque sa di avere davanti la persona più felice del mondo. E io ho il privilegio di essere suo padre”.

ROAS
Jose Manuel Roás Triviño - Facebook

Dopo averlo ascoltato emozionato, il giornalista ha detto: “Sono assolutamente d’accordo con te in quasi tutto tranne che per la riconoscenza. Io non sono riconoscente, ma magari potresti contagiarmi”.

https://videos.files.wordpress.com/NUFj608i/jose_manuel_roas_dvd.mp4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni