Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

La vita con un figlio autistico si riempie di fatica ma anche di risate

Giovanna Bonazzi

Paola Belletti - pubblicato il 28/05/18

Come avete attraversato finora le difficoltà?

Guardandolo come figlio. Anche nella fatica immane che ci richiede. A volte dico che sono la sua “segretaria”, secondo l’espressione che usò lo psicologo; certo cammina, si lava, parla. Si nutre da solo ma ha bisogno di una “segretaria” sempre. E io avevo fatto studi umanistici non la scuola per “periti aziendali corrispondenti in lingua estera” (sorride, NdR): lui per giunta è curioso per tutte le lingue straniere: appena gli è possibile chiede agli stranieri che incontra come si dice questo o quello. Sono il suo punto fermo; quella che gli ricorda chi è, dove sta, dove deve stare.

C’è stato un momento particolare, una svolta?

Sì. Quando ho cambiato atteggiamento davanti alle innumerevoli figuracce che mi faceva e che continua a farmi fare. Non è solo una normale ironia o capacità di riderci sopra: occorre una specie di capriola. Bisogna essere dei fenomeni per prendere con filosofia le figure epocali che fa fare, sorridere davanti allo sconosciuto che guarda basito tuo figlio, senza vedere e tenere conto che io mamma sono lì, due passi indietro. Uno lo guarda, gli chiede “Chi sei, cosa vuoi?!”. Allora mi faccio avanti io: “Buongiorno, lui è con me, sì. E’ mio figlio”. E così mi sono guadagnata la medaglia d’oro di sorriso davanti alle figure di “emme”.  A volte però lo prendo da parte e gliele canto: “Piantala di farmi fare queste figure!” E lui: “ah scusa non avevo mica capito”.

Poi ho fatto un altro passo ancora: non solo ridere ma anche cogliere la verità nascosta nelle sue parole imbarazzanti, nei suoi sguardi che vanno sempre più in là: oltre, dietro, in fondo… E così gli episodi gustosi e commoventi si sono moltiplicati e anche i rapporti umani sono notevolmente migliorati. Più passa il tempo, più vedo la gente che gli vuole bene, lo cerca, ha bisogno dei suoi abbracci. E poi ci sono le sue domande. Non solo quelle buffe: “Come mai sei triste oggi?”

Sì, davvero una domanda grande. Sembra che Nicodemo faccia domande da “Nicodemo”, quello che va di notte da Gesù. Anche se tuo figlio me lo immagino andare ad interpellarlo in pieno giorno, il Signore, e davanti a tutti!

Ho saputo che avete aperto una Sala da Tè a Cento dove lavorano i vostri ragazzi, Nicodemo e altri ragazzi con disabilità, soprattutto con sindrome di Down.

Sì! Anche questa è una cosa bellissima. Abbiamo avuto l’appoggio entusiasta del nostro Arcivescovo, Mons. Zuppi (Cento è in provincia di Ferrara ma Arcidiocesi di Bologna) che tra l’altro ha approfittato della riapertura della Chiesa della collegiata di San Biagio, ancora chiusa dal terremoto del 2012 ed è venuto all’inaugurazione: era il 24 marzo 2018.


CASA NOVELLA

Leggi anche:
Novella Scardovi: quella sera le offrirono una sedia. E lei aprì la casa a chi aveva bisogno

Il tutto è nato grazie ad una associazione di genitori di ragazzi con disabilità, che si chiama Oltretutto. Ora che sono grandi, finite le superiori, rischiano di passare le giornate senza fare niente di costruttivo, invece il lavoro dà dignità, è importante per la promozione vera della persona. Abbiamo pensato di mettere in piedi un’attività adatta a loro, che potesse funzionare sul mercato. Cioè è una cosa bella sul serio, dove i clienti vengono per davvero e ci tornano, dove le cose devono funzionare. Ci sono tante cose da raccontare ma forse servirebbe una seconda intervista…

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
autismodisabilitàfamiglialavorosperanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni