Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Conte ha lasciato, Mattarella chiama a sostituirlo Carlo Cottarelli. Ma che è successo?

Sergio Mattarella 02

© Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Lucandrea Massaro - pubblicato il 28/05/18

Ne è convinto ad esempio Valerio Onida, ex presidente della Corte Costituzionale: “Il Presidente della Repubblica può evidentemente esercitare una sua influenza, un magistrato di persuasione e di influenza, può dare suggerimenti, può dare consigli, può dare avvertimenti, può esprimere preoccupazioni, ma non ha un potere di decisione definitiva sull’indirizzo politico e quindi anche sulla scelta delle persone che devono andare a realizzare l’indirizzo politico di maggioranza”. Qui l’intervento a Radio Radicale

Anche Massimo Villone, professore emerito di diritto costituzionale alla “Federico II” di Napoli dice che: “Il Presidente della Repubblica può certamente esprimersi sull’indirizzo politico se lo ritiene nell’interesse del paese, ma come moral suasion e non nell’esercizio di poteri formali che incidono sull’esistenza dell’esecutivo”. Sempre Villone in un editoriale sul Manifestoribadiva: «Considero il governo giallo-verde da combattere politicamente perché, come ho già detto e scritto, in larga misura di destra. Spero che ci sia, o nasca, una sinistra in grado di farlo. Ma come costituzionalista difendo il diritto della maggioranza espressa dagli italiani nel voto di entrare con i propri ministri e il proprio indirizzo politico a Palazzo Chigi. Non spetta al presidente Mattarella impedire che ciò accada. Dovrà essere il popolo sovrano, quando lo riterrà, a metterli alla porta».

Carlo Cottarelli: Mr Forbici

Poche settimane fa, Cottarelli raggiunto dal quotidiano La Stampa rispondeva così all’ipotesi di un suo coinvolgimento alla guida di un Governo “giallo-verde”, e poneva delle condizioni chiare:

«Di mettere a posto i conti pubblici. Certe misure si possono ipotizzare, ma in un quadro in cui il debito si riduce a una velocità sufficiente per mettere l’Italia al riparo dalla prossima recessione. Se l’idea è di tagliare le tasse in deficit, aumentando la spesa, non sono la persona giusta».

E su quale fosse la priorità per il Governo, rispondeva così:

«L’Italia deve approfittare di questa fase di crescita per rafforzare i conti pubblici razionalizzando la spesa. Se no quando prima o poi le condizioni peggioreranno il debito ricomincerà a salire rispetto al pil e ripartirà la speculazione contro di noi. I mercati adesso sono calmi perché, oltre all’azione della Bce, l’economia europea e quella italiana crescono. Però possono cambiare idea in fretta al mutare delle condizioni e avere una crisi di fiducia verso i Paesi dal debito alto».

Per Cottarelli anche l’attuale livello di disavanzo dei conti pubblici andrebbe alzato ulteriormente portandolo dall’attuale 2% fino al 4%, il che inevitabilmente vorrebbe dire nuovi tagli.

Alberto Negri, in un editoriale sul portale Tiscalispiega che:

La convocazione di Carlo Cottarelli al Quirinale ha l’aria di un commissariamento in vista non solo di possibili elezioni ma anche dell’addio di Mario Draghi all’inizio del 2019 dalla Banca centrale europea. Il presidente della repubblica cui non piacciano anti-tedeschi e anti-euro _ e neppure quelli non amici di americani e israeliani _ punta sull’ex commissario alla spending review per tenere a galla la barca italiana che finora ha beneficiato della politica monetaria espansiva della Bce e della crescita economica.

Verso il voto?

Gli scenari adesso si fanno sempre più difficili. Chi sosterrà un governo del Presidente dopo uno scontro di questo livello? Cottarelli assomiglia, per estrazione culturale, ad un Monti-Bis, ed è difficile immaginare che i partiti facciano a gara a sostenerlo sia pure per un breve periodo, si parla infatti di voto entro la prima decade di settembre.

AGGIORNAMENTO: Carlo Cottarelli ha accettato con riserva l’incarico di Presidente del Consiglio

“Mi presenterò al Parlamento con un programma che presenti la legge di bilancio e porti il paese alle elezioni all’inizio del 2019 in caso di fiducia o dopo agosto in caso di sfiducia – afferma al termine del colloquio –  Presenterò in tempi molto stretti la lista dei ministri. Il governo sarà neutrale, assicurerà una gestione prudente dei conti pubblici e riterrà essenziale la partecipazione dell’Italia all’area euro. Mi impegno a non candidarmi e così anche i ministri”, ha detto Cottarelli, specificando che se non otterrà una fiducia nelle Camere (cosa molto probabile, NdR) si tornerà al voto dopo Agosto.

  • 1
  • 2
Tags:
consultazioni di governosergio mattarellaunione europea
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni