Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Beato chi abita la tua casa», Carlo Castagna ha raggiunto in Cielo suo nipote, sua figlia e l’amata moglie

CARLO CASTAGNA
Condividi

Per 12 anni il signor Castagna ha girato l'Italia parlando di perdono, forse è sopravvissuto per aprire gli occhi a noi che oggi vediamo il piccolo regno della famiglia dilaniato da delitti efferati

Nella strage di Erba – 11 dicembre 2006 – Carlo Castagna perse il nipote Yousef, la figlia Raffaella e l’amata moglie Paola. È morto ieri e il primo pensiero è saperlo di nuovo congiunto ai suoi cari dentro l’abbraccio luminoso del Paradiso, dopo 12 anni di separazione lacerante.
Lacerante, sì; ma non disperata. Per 12 anni il dono della presenza di quest’uomo è stato tra noi, molto probabilmente perché siamo noi quelli in pericolo. Non posso pensare a un Cielo cinico che separa per pura cattiveria un nonno, un padre, un marito dal resto della sua famiglia tenendolo incollato alla carne e al ricordo della mattanza. Carlo Castagna è sopravvissuto per essere un testimone attendibile della follia cristiana, che ha il suo più grande paradosso nel perdono. In un’intervista dichiarò:

Il perdono, quando diventa frutto di troppi ragionamenti e di schemi, è difficile da raggiungere. Perché il perdono cozza con il pensiero umano. (da TV 2000)

Motivo per cui lui ha parlato del perdono dato agli esecutori della strage, i coniugi Rosa Bazzi e Olindo Romano, come qualcosa di immediato che gli è piovuto dal cielo, come Misericordia di Dio. È un primo, folgorante, passo da ruminare: il perdono non è un gesto per gli altri, ma per chi lo dà. Il perdono è stato l’àncora che ha impedito a Castagna si sprofondare nelle tenebre.

Seguiamo, proviamoci, la sua lucida riflessione che tante volte ha raccontato girando per le parrocchie italiane. Tutto parte dalla domanda: dov’era Dio quella notte? La sua risposta è: «Dio era accanto ai miei cari e li stava già abbracciando mentre li uccidevano».

E il pensiero di Carlo va subito a sua moglie Paola, la immagina già all’opera appena arrivata in cielo: si sarà indaffarata per infondere forza al marito che restava a patire sulla terra. Lei, Paola Galli, solo una settimana prima aveva lasciato detto al marito, con un’intuizione profetica, che avrebbe voluto scritto sul ricordino del suo funerale questo passo del Salmo 83:

Beato chi abita la tua casa:
sempre canta le tue lodi!
Beato chi trova in te la sua forza
e decide nel suo cuore il santo viaggio.

Public Domain

I due versetti successivi recitano: «Passando per la valle del pianto / la cambia in una sorgente», e descrivono una trasformazione provvidenziale che Castagna sente da subito, dalla notte della strage. Avverte la mano di Dio e dei suoi cari che lo sostengono a guardare, affrontare, sopravvivere una tragedia orrenda. Afferma:

La razionalità, il voler sminuzzare gli eventi, il voler trovare una risposta al perché di queste tragedie, è il modo più sbagliato per affrontarli (da Padre Pio TV).

Non è questo che ci sorbiamo sera dopo sera in tutti i programmi di intrattenimento che si cibano di cronaca nera? Non è un continuo pasteggiare a suon di cadaveri, macabri dettagli e teorie che accarezzano solamente l’ego degli esperti?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.