Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconStorie
line break icon

Francesco Borgomeo, l’imprenditore che studia San Tommaso

FRANCESCO BORGOMEO

Public Domain

Credere - pubblicato il 26/05/18

«L’ho trovata una felice combinazione. O forse una continuazione di quello in cui credo e che ho cercato di spiegare prima. Non a caso, Saxa in latino significa “pietra” e io ho sempre pensato alla pietra angolare che, scartata dai costruttori, è divenuta testata d’angolo. Mi piace molto questo concetto applicato al mio di economia circolare, di materie ed energia da riutilizzare. Con la massima attenzione all’ambiente, come peraltro ci chiede papa Francesco».

ATTRAVERSARE IL DESERTO
Durante la chiacchierata, entrano ed escono dipendenti e collaboratori e il rapporto è sempre cordiale, mai verticistico: «Se si è in grado di valorizzare le persone, allora anche la qualità di un’azienda ne risente in positivo. I progetti si fanno con le persone, si fanno insieme, solo così si esce dalla crisi. Io ci metto la componente del rischio, ma insieme mettiamo sacrifici e una coscienza a posto, che deriva dal fare le cose per bene. Quando ho rilevato la Marazzi, ai dipendenti ho offerto un’immagine biblica che pure mi sta molto a cuore, quella della traversata nel deserto. Però subito dopo ho promesso loro che saremmo arrivati al mare. E ci siamo riusciti proprio perché ci siamo sostenuti a vicenda e continuiamo a farlo. Mi è sempre piaciuto pensare alle mie aziende come a una cucina a vista: tutti devono sapere cosa si prepara. Questa per me è partecipazione vera».

E qui Borgomeo introduce un altro aspetto cui tiene molto, quello del bene comune: «Dedicarsi anche così al bene comune a me sembra anche fare politica nel senso alto del termine. Rivitalizzare aree come questa della Ciociaria, abbandonata da tempo dopo i fasti degli anni Sessanta e Settanta, rilanciare attività industriali, che non vanno demonizzate se fatte per bene, significa anche trasferire benessere al territorio, dare una speranza ai giovani. Oggi vedo un po’ di miopia nella politica, che guarda troppo al breve, che non dà il giusto peso al rilancio del manifatturiero. L’industria come cerchiamo di farla con le nostre aziende porta sviluppo e arricchimento vero. Che è il contrario dell’arricchimento selvaggio, che non lascia niente, che ha un rapporto maledetto con il denaro. Ai giovani, come pure ai miei figli Luca e Giorgio che per ora studiano all’università, dico spesso che possiamo farcela, ma che dobbiamo impegnarci in un percorso ben definito. L’Italia veniva dalla Seconda guerra mondiale, era devastata, eppure ne siamo usciti. Tanto più oggi possiamo farcela».

RISCOPRIRE IL SACRIFICIO
E tanto più da cristiani… «Uno dei concetti che più mi sono cari è quello del sacrificio. E per noi cristiani, se vogliamo, è anche semplice riconoscersi nel sacrificio. Alla luce della mia esperienza, posso dire che fare sacrifici cristianamente non è una cosa brutta, negativa, perché anche così si costruiscono storie importanti. È attraverso il sudore e l’impegno che passa la valorizzazione dei talenti, altra parabola che sento molto mia».

Uscire dalla crisi? «Sì, secondo me si può», conclude Borgomeo. «Le opportunità sono tante. Basti pensare come, dai rifiuti che noi trattiamo, escono dei prodotti con un grande mercato e un enorme rispetto del creato», conclude Borgomeo, pronto all’altra traversata nel deserto per il rilancio dell’ex Ideal Standard: «Ma noi abbiamo già la bussola per attraversare anche quel deserto. E poi c’è san Tommaso d’Aquino che ci protegge».

Articolo tratto da “Credere”

  • 1
  • 2
Tags:
imprenditori cristianisan tommaso d'aquino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni