Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconStorie
line break icon

Una ragazza condivide la sua testimonianza potente sulla guarigione emotiva dopo un intervento al cuore

MŁODA KOBIETA

Vladimir Godnik/Getty Images

Catholic Link - pubblicato il 25/05/18

Diventare un miracolo

Una cosa a cui pregavo Dio di rispondere era perché non mi concedeva un miracolo, un cuore diverso. Essere cattolici richiede di credere nell’impossibile. Preghiamo Dio chiedendogli di cambiare il Suo cuore e di operare i miracoli che vogliamo: “Dio ha fatto un miracolo e mi ha dato un lavoro! Dio ha fatto un miracolo e mi ha fatto superare quel peccato!”

Ricordo che da bambina e da adolescente pregavo Dio perché cambiasse il Suo cuore e operasse un miracolo che cambiasse il mio. Winona bambina: “Dio, se elimini la mia condizione cardiaca, la cicatrice dell’intervento e le cicatrici sul volto sarò la bambina più santa che tu abbia mai creato, diventerò una suora o resterò laica e viaggerò per il mondo per mostrare a tutti il tuo miracolo. Loderò il tuo potere”.

Non è cambiato niente.

Winona adolescente: “Dio, puoi mantenere la mia condizione cardiaca, ma almeno elimina le cicatrici sul volto e prometto che dirò a tutti quanto mi ha fatta bella. Sarò un miracolo vivente per te”.

Non è cambiato niente.

Winona di 22 anni arrabbiata/risentita: “Mi hai dato queste orrende cicatrici e questa stupida condizione cardiaca. Cosa vuoi che ci faccia?”

La mattina dopo stavo scrivendo sul mio diario e Dio mi ha guidata a questo passo della Scrittura: “Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo” (2 Corinzi 12, 9).

E se iniziassi a vantarmi delle mie debolezze? Se anziché essere amareggiata, arrabbiata e risentita per le mie cicatrici e la mia condizione cardiaca le usassi per portare l’amore di Dio agli altri? Nella nostra umanità non capiamo che il cambio di cuore di Dio non è il miracolo che vorremmo. Potrebbe non darci il lavoro/la relazione/il corpo splendido che vogliamo, ma il fatto che non si ottenga il miracolo desiderato non vuol dire che non lo si possa diventare. Ho smesso di chiedere a Dio di operare un miracolo e ho imparato a diventarlo.

Le mie cicatrici e la mia condizione significano sicuramente che non sono popolare tra i ragazzi, e devo spesso sottopormi a degli interventi, ma vuol dire anche che ho un rapporto saldo con altre persone con cicatrici fisiche e disabilità. Dio alla fine mi ha indirizzata al volontariato con i bambini malati di cancro. Ho un legame d’amore con questi bambini per via delle mie cicatrici. Quei piccoli toccano le mie cicatrici. Mi guardano con i loro occhietti splendidi e vedono un riflesso di sé: cicatrici a bizzeffe! Quelle che erano delle debolezze, una disabilità duratura, possono aiutare dei bambini.

Un cambio di cuore e il fatto di diventare un miracolo non sono semplici. Ci vuole un viaggio lungo e difficile di resa totale a Dio, imparando ad amare le proprie debolezze. Anche voi potete diventare un miracolo ed essere un miracolo per gli altri senza ottenere il risultato perfetto che ritenete sia il miracolo. Se state leggendo questo articolo, iniziate il vostro viaggio per diventare un miracolo di Dio. Guardate indietro con Dio e andate avanti. Ponetegli le vostre domande. Con un cambio di cuore potete diventare un miracolo divino.

QUI L’ORIGINALE

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
cuoretestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni