Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 06 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché noi cristiani dobbiamo sopportare le ingiustizie senza reagire?

EGOIZM W MAŁŻEŃSTWIE

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 24/05/18

Non si tratta di soccombere nei confronti di chi ci fa del male. Ma di imparare a guarire interiormente. E replicare nel modo giusto. Vediamo in che modo

Perché noi cristiani dobbiamo sopportare le ingiustizie? Perché dobbiamo evitare di affrontare i problemi soffrendo tutto passivamente? Non diventiamo degli inetti se, quando siamo in difficoltà, stiamo semplicemente a guardare?

La risposta è negativa e il perché ce lo spiega Franz Jalics, autore di “Esercizi di contemplazione” (Ancora editrice).

La via della guarigione

web3-parents-suffering-children-leasve-church-alex-kosev-via-shutterstock_32043727
Alex Kosev / Shutterstock

Ammettiamo che qualcuno, in una discussione, mi abbia ingiustamente ferito con le sue affermazioni. Come reagisco? Ho due opzioni.

Posso restituire il colpo ferendolo a mia volta, oppure far finta di niente e reprimere tutto, dicendomi che in realtà non mi ha ferito. In nessuno dei due casi è avvenuta una guarigione. Restituire il colpo è una reazione verso l’esterno che non arreca nessun tipo di redenzione; al contrario, può darsi che chi sta parlando con me reagisca a sua volta ancor più violentemente.

Nel secondo caso ingoio l’offesa, che però si ferma come una pietra sullo stomaco. Niente è redento, perché sia reprimendo, sia restituendo il colpo si cerca di evitare il dolore e si rimane nell’ambito del fare, dell’azione.




Leggi anche:
Quando è che il litigio è costruttivo?

Lasciarsi toccare dalla ferita

Allora come avviene una vera guarigione? Qual è la strategia più giusta rispetto a ciò che mi sta accadendo? La cosa migliore da fare è lasciarci toccare dalla ferita. Così cominciamo a soffrire il dolore. Non è né un fare, né un pensare. È solo un soffrire col quale ha inizio la nostra guarigione interiore per il colpo subito.

Se non c’è urgenza di rispondere

Se non c’è urgenza di rispondere all’altro, non reagisco. Ho bisogno di tempo per permettere alla ferita di diventare una cicatrice. A seconda della serietà della ferita, ci dormo sopra un po’ di volte. Quando la ferita non fa più male vuol dire che si è trasformata in cicatrice. Ha lasciato il suo segno, ma ha perso ora il suo carattere minaccioso.

Così posso rivolgermi di nuovo all’esterno, tornare da quella persona per parlare con lei della ferita che mi ha procurato. Potrò anche comportarmi energicamente, però non reagirò più con odio. Il dolore è passato, permettendomi di incontrarla con più amore.




Leggi anche:
5 principi fondamentali di guarigione interiore che ci insegna la Bibbia

Se c’è urgenza di rispondere

Ammettiamo, invece, che io non possa dormirci sopra, a motivo delle circostanze che richiedono una reazione immediata.

Anche in questo caso mi lascio toccare dal dolore e guardo cosa sento: «È una ferita e fa male. Le è permesso di farmi male». In questo momento comincia la redenzione. Visto che la situazione, come abbiamo detto, esige una reazione pronta, impedendomi di prendere il tempo necessario per far guarire la ferita, rimango con il mio interlocutore.

Non essendo ancora tutto redento, la mia reazione sarà connotata da un certo odio, presente in sottofondo, ma non sarà totalmente in balia dell’odio, perché il processo di guarigione ha già avuto inizio. Più le circostanze esterne ci permettono di prendere tempo, più può aver luogo la redenzione.




Leggi anche:
E se il diavolo fosse necessario all’opera di redenzione di Dio…

Gli Esercizi Contemplativi

Riassumendo: quando parlo di soffrire, di lasciar stare, di non porre dei limiti, di non difendersi, mi riferisco sempre alle reazioni verso l’interno e non verso l’esterno. Negli Esercizi contemplativi si prende in considerazione soltanto la dimensione interiore, nella quale possiamo imparare un nuovo modo di comportarci.

La reazione esterna, invece, dipende ampiamente dalle circostanze. Pur essendo meglio reagire con amore quando la ferita è già stata guarita, le circostanze esterne possono giustificare una reazione anticipata, anche se segnata da un certo odio latente.




Leggi anche:
Perdonare risulta impossibile? Chiavi per ridurre il rancore

Gli psicologi

Molti psicologi sostengono che si dovrebbe imparare a difendersi. Questo è giusto, se riferito però alle reazioni esterne. Se qualcuno mi disturba, si comporta scorrettamente, mi provoca ingiustamente o mi aggredisce, posso certamente porre dei limiti esterni. Però non devo allo stesso modo limitare con delle barriere interiori il mio amore verso di lui.

Tags:
cristianiguarigioneredenzione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni