Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconFor Her
line break icon

Neonato abbandonato in centro a Brescia. Potrebbe chiamarsi Antonio, come chi lo ha salvato

ITALIAN POLICE NEWBORN

Agente LISA | Facebook

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 23/05/18

L'assistente capo Antonio Matrano, l'agente che ha soccorso e coccolato per primo il bimbo, vorrebbe che venisse battezzato con il suo nome

Lunedì 21 maggio, ore venti circa, zona centrale di Brescia. La signora Lionella si affaccia al balcone e lo vede, ma il primo ad aver notato qualcosa era stato il figlio Davide. Si tratta di un passeggino o meglio di un ovetto, di quelli che si usano per trasportare il bimbo in auto e poi si possono fissare al telaio del passeggino senza. Il fatto eclatante è che non si tratta di un rifiuto ingombrante come spesso ne abbandonano in zona, riferisce la signora che darà poco dopo l’allarme alle forze dell’ordine. Si tratta di un bambino, un neonato che ora, ormai sono quasi le 21, sta piangendo e tende le manine. Sì è vero, spesso i neonati sono rifiutati e abortiti e poi trattati come rifiuti, magari speciali. Possiamo ricordarlo in questi giorni in cui impazza la retorica sulla L. 194, tradita davvero, ma non come intende la propaganda progressista. (Il gesto di questa donna, che lascia ben nutrito e ben vestito il suo bimbo, sembra l’ extrema ratio di chi non regge il peso di una vita da accudire (magari davvero non può e non ne ha nemmeno alcuna colpa!) e non i sei milioni di aborti dal varo della legge in poi. Quanto vita in meno e quanto dolore taciuto per queste donne).

Credevamo fosse un oggetto abbandonato, invece in quel passeggino c’era un bimbo, vivo. 




Leggi anche:
Il neonato di Settimo torinese è già morto. E noi?

Riferisce la donna a Il Giorno. Era stato lasciato dentro il portone del civico 3 in Vicolo delle Nottole, vicino a Corso Martiri della Libertà.

Dopo mezz’ora dal primo avvistamento i due, madre e figlio, non sono tranquilli vedendo il passeggino ancora lì. Si avvicinano, guardano, sentono il pianto. Si tratta un bambino! Ben vestito, con una tutina di ciniglia, avvolto in una coperta di lana azzurra. Nel passeggino alcuni cambi, il latte in polvere e un biberon. Questi dettagli, il luogo dell’abbandono (di fatto piuttosto sicuro, con probabile passaggio di residenti) e le condizioni in cui il piccolo è stato lasciato fanno ipotizzare che la madre, o chi per lei, lo abbia lasciato per farlo trovare e offrirgli forse una sicurezza che non poteva trovare con lei. Lionella e Davide chiamano il 112 e la volante Carmine arriva subito.

L’agente che accorre sul posto, Antonio, è anche un papà: ha già due figlie di quattro e dieci anni e la memoria dei primi giorni con loro non dev’essere ancora sbiadita. Ma chiunque, crediamo, avrebbe agito come lui.

Il piccolo piangeva, l’ho preso in braccio per coccolarlo e lui si è tranquillizzato- racconta commosso l’assistente capo Antonio Matrano- Accanto a sé aveva un biberon di latte e una borsa con i pannolini, altro latte in polvere e qualche cambio.  (Il Giorno)

  • 1
  • 2
Tags:
bambinidifesa della vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni