Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 21 Febbraio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Caro Buffon, ispirati a Maria Angelica Ramos: a 92 anni allena i ragazzi di strada per conto di Dio (VIDEO)

Maria Angelica Ramos

YouTube I Primero Impacto

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 23/05/18

Il calcio è nostalgia del Paradiso, ci ricordò Benedetto XVI; non sempre i campioni di serie A lo dimostrano, ma ci pensa lei che per le strade di Lima ha ispirato ed educato più di mille giovani. E non molla

Due grandi star nostrane hanno dato l’addio al calcio giocato, Gigi Buffon e Andrea Pirlo. Poco tempo fa fu la volta del capitano Francesco Totti. Ciascuno di loro è stato salutato con grandi feste, plateali applausi, commozione popolare.
D’altra parte è lo sport nazionale, quello che quest’anno ci vede esclusi dai Mondiali. Sarà un bagno di umiltà. Probabilmente per questi grandi campioni è un bagno di umiltà anche il congedo dal campo di gioco. Com’è sentirsi venerati quasi come divinità? Com’è uscire dal palcoscenico mediatico?
Immagino sia croce e delizia.

GIGI BUFFON, CALCIO, PORTIERE
Shutterstock



Leggi anche:
“Sfida il sacerdote”… a calcio! Chi vince prega per l’altro!

È un’ovvietà dire che il mondo del calcio in Italia è uno specchio deformante, un calderone di soldi, affari, violenza, vanità, botta e risposta, ostentazione; tanto che rimanemmo tutti stupiti quando quel gigante di osservazione e profondità che è l’emerito Benedetto XVI tirò fuori uno sguardo divino sul gioco del pallone. Davvero il calcio può essere simbolo del Paradiso? Ah, ecco perché ci piace.

Vale la pena rispolverare anche solo un passaggio di quel discorso pronunciato nel 1978 e ritornato in auge quando Ratzinger salì sul soglio pontificio:

Perché è questo che s’intende in ultima analisi con il gioco: un’azione completamente libera, senza scopo e senza costrizione, che al tempo stesso impegna e occupa tutte le forze dell’uomo. In questo senso il gioco sarebbe una sorta di tentato ritorno al paradiso: l’evasione dalla serietà schiavizzante della vita quotidiana e della necessità di guadagnarsi il pane, per vivere la libera serietà di ciò che non è obbligatorio e perciò è bello. Così il gioco va oltre la vita quotidiana. […]. A me sembra che il fascino del calcio stia essenzialmente nel fatto che esso collega questi due aspetti in una forma molto convincente. Costringe l’uomo a imporsi una disciplina in modo da ottenere con l’allenamento, la padronanza di sé; con la padronanza, la superiorità e con la superiorità, la libertà. Inoltre gli insegna soprattutto un disciplinato affiatamento: in quanto gioco di squadra costringe all’inserimento del singolo nella squadra. Unisce i giocatori con un obiettivo comune. (Cercate le cose di lassù, Paoline, 1986)

Sì, tutto ciò è lontano mille miglia da ciò che vediamo ogni domenica in TV, eppure è l’origine del gioco. E proprio lontano ben più di mille miglia da qui c’è una anziana signora che pare essere rimasta fedele a questo sguardo sportivo originario, i cui cardini sono: libertà, affiatamento, obiettivo comune.
A Lima, in Perù, tutti conoscono «la Vieja»: è Maria Angelica Ramos, classe 1925, di professione allenatrice di calcio dei ragazzi del quartiere. Non è una professione vera e propria, perché non è retribuita né è stata assoldata da nessuno; non è una professione perché è qualcosa di più: una missione.


Pep Guardiola and David Silva

Leggi anche:
«La vita di tuo figlio vale più di una partita di calcio»

A 92 anni la signora Ramos ha allenato più di mille ragazzi, senza avere titoli o qualifiche particolari se non una passione folgorante nata vedendo giocare Pelé. Non è mai un’idea astratta quella che ci muove a fare cose grandi, l’intuizione s’incarna sempre in qualcosa di particolare. Ci sia da esempio. Ogni passione che scaturisce in noi anche nel modo più semplice, porta con sé la possibilità di essere occasione creativa per gli altri. Così è stato per «nonna» Maria Angelica:

Il mio amore per il calcio nasce con Pelé, che mi ha ispirato. Quando lo vidi giocare per la prima volta, molti e molti anni fa, decisi che avrei insegnato ai ragazzi a giocare a pallone. (da Calcio Fanpage)
LITTLE,GIRL,PLAYING,SOCCER
Shutterstock

La passione personale diventa ipotesi di opera nel mondo, nel ritaglio di terra dove si vive. (Senza riflettori, senza polemiche via social network, senza interviste e ritrattazioni, cari campioni di Serie A).

Nel quartiere in cui allena, ‘La Vieja’ è un’istituzione, i suoi piccoli calciatori dicono che sia severissima quando li istruisce; grazie a lei molti di questi giovani sono stati tolti dalla strada. Maria Angelica Ramos non ha figli e vive da sola nel quartiere di Los Olivos e insegna gratuitamente ai ragazzi dell’America Sporting Club de Lima; ha ben chiaro chi arbitra la partita:

La mia famiglia è la mia squadra. Non ho bisogno di un rimborso spese, la mia è una missione. Alleno per conto di Dio, se lui vorrà sarò contenta di morire sul campo.

Congedandosi dal campo di gioco, il nostro beneamato portiere nazionale Gigi Buffon ha dichiarato di essere in attesa di altre sfide stimolanti. Chissà! Gli facciamo i nostri migliori auguri e un consiglio: in mezzo al polverone di offerte mirabolanti, tieni d’occhio ‘La Vieja’; potrebbe riportarti nel posto giusto, da qualche parte lì dove il cuore di un ragazzo comincia a battere forte quando il compagno gli passa la palla.

[protected-iframe id=”29f525446b15aa980cd0db87901d6098-95521288-57466698″ info=”https://fox.player.crosscast-system.com/video/NTQ3OTUwwqc1NDc3NzM=” width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ allowfullscreen=””]

Tags:
calcioperùragazzi
Top 10
See More