Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconNews
line break icon

Scandalo abusi sessuali: stralci del documento del Papa ai vescovi cileni

POPE FRANCIS

Antoine MEKARY I ALETEIA

Il Sismografo - pubblicato il 19/05/18

"Ci saranno rimozioni ma si deve andare oltre e chiudere con la psicologia di elite che non può sostituire il Popolo di Dio"

– “L’8 aprile scorso, domenica della Misericordia, vi ho inviato una lettera per convocarvi a Roma per discutere delle conclusioni della visita compiuta dalla Missione Speciale (realizzata dai mons. Scicluna/Bertomeu, ndr) che doveva aiutare a trovare la luce per trattare adeguatamente una ferita aperta, dolorosa e complessa , che per lungo tempo non smette di sanguinare nella vita di così tante persone, e quindi, nella vita del Popolo di Dio”.




Leggi anche:
Papa: mi sono sbagliato sul Vescovo accusato di aver coperto abusi

– Il documento del Papa avverte che la Chiesa cilena ha vissuto “una trasformazione al suo centro”. E quel punto lo dimostra, sottolineando che questa istituzione “è stata assorbita in modo tale che le conseguenze di tutto questo processo hanno avuto un prezzo molto alto: il suo peccato è diventato il centro dell’attenzione. La dolorosa e vergognosa constatazione di abusi sessuali su minori, abusi di potere e coscienza da parte dei ministri della Chiesa, così come il modo in cui sono state affrontate queste situazioni, mostra questo cambiamento di centro».

– Il Papa, nella lettera, nota che “mai un individuo o un gruppo illuminato può pretendere di essere la totalità del Popolo di Dio e ancor meno credere di essere la voce autentica della sua interpretazione”. E allude, con il termine “psicologia elitaria”, a ciò che vive la gerarchia della Chiesa cilena: “Finisce per generare dinamiche di divisione, separazione, circoli chiusi che portano a spiritualità narcisistiche e autoritarie, in cui, invece di evangelizzare, l’importante è sentirsi speciali, diversi dagli altri “.




Leggi anche:
“Chiedere perdono 70 volte 7 alle vittime se è necessario”, dicono i vescovi cileni

– Il Pontefice chiede di generare “dinamiche ecclesiali” per “promuovere la partecipazione e la missione condivisa di tutti i membri della comunità”. Critica anche direttamente l’ “atteggiamento” di alcuni vescovi di fronte agli “eventi presenti e passati” e affronta la questione delle possibili rimozioni per ripristinare il funzionamento della struttura: “I problemi che oggi si vivono all’interno della comunità ecclesiale non si risolvono solo affrontando i casi concreti e riducendoli alla rimozione di persone; questo – e lo dico chiaramente -, dobbiamo farlo, ma non è abbastanza, dobbiamo andare oltre “.

– Un punto rilevante del documento si trova in una nota a piè di pagina, in cui il Papa si riferisce ai “mali”. In questa sezione, dice che i suoi inviati speciali (Scicluna e Bertomeu) hanno confermato che ad alcuni religiosi espulsi dal loro ordine “a causa dell’immoralità della loro condotta e dopo aver minimizzato l’assoluta gravità dei loro atti criminali (…) sarebbero stati affidati posizioni diocesane o parrocchiali che implicano un contatto quotidiano e diretto con i minori “.

– E si ferma a riflettere (il Papa, ndr) su tre punti. Il primo riguarda le mancanze nel modo di ricevere le denunce. Il secondo, che provoca “perplessità e vergogna“, che siano state esercitate pressioni, anche con la distruzione di documenti, su chi ha condotto le indagini. E il terzo è notare che “nel caso di molti molestatori, in loro erano già stati rilevati problemi gravi nella fase di formazione in seminario o noviziato. Gli Atti della Missione speciale contengono gravi accuse contro alcuni vescovi o superiori, che avrebbero affidato le suddette istituzioni educative a sacerdoti sospettati di omosessualità attiva”.




Leggi anche:
Quando ci sono polemiche e turbamenti? Fare discernimento e chiedere scusa

Articolo tratto da “Il Sismografo”

Tags:
abusicilepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni